Colpi di sole: dal balayage al bronde, ecco tutte le tecniche

Nina Segatori
I colpi di sole si sono evoluti: dalle cartine in alluminio ai pettini per tinta fai da te, sono tanti i metodi per regalare ai capelli una luminosità naturale, che non passa mai di moda. Balayage, shatush, bronde, tie & dye, ecco tutte le tecniche per realizzare dei perfetti colpi di sole.

I colpi di sole non sono più quelli di una volta: oggi esistono varie tecniche per ridar luce ai capelli.


I colpi di sole sono una tecnica di decolorazione che dona luminosità all'intera capigliatura senza modificare totalmente il colore naturale. A differenza della tinta, infatti, i colpi di sole riguardano solo alcune ciocche di capelli e a seconda del tempo di posa possono essere platino o di una tonalità dorata. Spopolano sui capelli delle donne dalla notte dei tempi, da quando con l'aiuto di cartine in alluminio e pennello, si dividevano i capelli in tante piccole ciocche simmetriche per poi lasciare agire il decolorante per almeno 30 minuti. Con il passare del tempo, però, sono tante, ad oggi,  le tecniche evolutive che partendo dai colpi di sole regalano diversi gradi di luminosità, più naturali e omogenei, primo fra tutti l'amatissimo shatush. Ecco tutte i tipi di colpi di sole.

Mèches

Le mèches sono i classici colpi di luce, che si realizzano con cartine in alluminio e pettine, utilizzando una polvere decolorante e ossigeno a 30 o 40 volumi. Si parte dividendo la testa in quattro parti per poi suddividere ancora in tante piccole ciocche simmetriche. Una volta coperte di tintura i capelli decolorati vanno chiusi nelle cartine e lasciati in posa per almeno 20-30 minuti, a seconda del grado di schiaritura che vogliamo ottenere.  La differenza di colore tra i capelli naturali e quelli tinti sarà più o meno visibile, ma comunque ben netta.

Shatush

La variante più diffusa ai classici colpi di sole è lo shatush, che consiste nel creare delle sfumature naturali su una base più scura, che diano un effetto ricrescita più o meno evidente. Il segreto di questa tecnica è la cotonatura: ogni ciocca, infatti, viene cotonata con il pettine e solo dopo coperta con il decolorante. Questo sistema fa in modo che lo shatush si differenzi da tutte le altre tecniche di colpi di sole.

Balayage

È una delle evoluzioni dello shatush e consiste nel creare delle sfumature a contrasto che rendono i capelli più luminosi e ad effetto 3D. Si ottiene applicando la crema decolorante solo su alcune ciocche e sfumandole alle punte. Dopo averle schiarite fino alla tonalità desiderata si applica un tonalizzante, che dona il giusto grado di colore. A differenza dello shatush, il balayage è più complicato da realizzare in casa da sole e richiede l'aiuto di una mano esperta.


Bronde

Il bronde è una nuova tecnica per realizzare i colpi di sole, che regala una sfumatura a metà strada tra il castano ed il biondo (dal'inglese brown e blonde, da qui il nome bronde) combinati in modo da dare una luminosità calda anche ai capelli più scuri. Amatissimo dalle star e dalle donne dai colori mediterranei, è una delle tecniche più diffuse dopo lo shatush e sicuramente una delle più evolute e nuove.

Tie & Dye

È un metodo che regala ai capelli dei colpi di luce tipici dell'effetto del sole in estate. Chiamata anche la tecnica Sunlight, consiste nel lavorare su una base più scura, da metà lunghezza fino alle punte, schiarendole di più toni, ma senza creare un contrasto troppo netto. Il Tie & Dye, infatti, è il modo più efficace per regalare all'intera capigliatura una sfumatura leggerissima. Come appena tornata dalle vacanze.

Copyright foto: Fotolia

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.