0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Angiografia oculare - Definizione

L’angiografia oculare è un esame dell’occhio che permette l’analisi dei vasi sanguigni e che, nella maggior parte dei casi, si avvera senza effetti secondari.


Definizione

Questo esame consiste nel fotografare il fondo dell’occhio dopo un’iniezione intravenosa di un colorante fluorescente. Il suo scopo è uno studio dettagliato dei voi sanguigno per stabilire la diagnosi di alcune malattie o di guidare un trattamento, per esempio, nel caso in cui si pensi ai una fotocoagulazione al laser. Le indicazioni essenziali sono la retinopatia diabetica e la degenerazione maculare.

Tecnica

L’esame viene realizzato in ambulatorio (senza ospedalizzazione) ma necessita di una dilatazione massima delle due pupille. Il paziente deve quindi essere avvisato del disturbo di visione che segue questo tipo di analisi al fine di evitare che possa, ad esempio, condurre un veicolo.

Effetti secondari

Gli effetti secondari sono, nella maggio parte di casi, benigni. Il colorante diffusosi in tutto l’organismo fa sì che le urine e la pelle risulteranno un po’ giallastre nelle ore che seguono l’esame.

Alcune reazioni gravi, di tipo allergico sono possibili, ma molto rare. Il rischio aumenta in caso di terreno allergico conosciuto, di difetti cardio-vascolari o respiratori importanti o, ancora, la somministrazione di alcuni medicinali, in particolare betabloccanti.
Il documento intitolato « Angiografia oculare - Definizione » dal sito Magazine delle donne (magazinedelledonne.it) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.