0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Il Pilates: tutto quello che c'è da sapere

Il Pilates è una delle discipline sportive più ricercate del momento. In cosa consiste? Quali sono i benefici? È adatto a tutte? Pietro Fontana, personal trainer e group fitness instructor, ha risposto alle nostre domande. 

Il Pilates è una disciplina che punta a tonificare il corpo e aumentare la flessibilità.


Per avere un corpo perfetto, fare la dieta non basta, anzi. La regola numero uno è quella di fare tanto sport ed evitare la sedentarietà, disastrosa per la nostra salute. Una delle discipline più in voga del momento è il Pilates, nome misterioso dietro cui si nasconde un'attività sportiva dai tanti benefici. Per saperne di più, abbiamo chiesto spiegazioni a Pietro Fontana, personal trainer e group fitness instructor, co-fondatore della Fitness School e diplomato alla Polestar Pilates, una scuola americana fondata nel 1992 e con sede a Roma

Come nasce il Pilates?

Il Pilates deve suo il nome al suo ideatore, Joseph Hubertus Pilates, nato nel 1880 in Germania e trasferitosi in Inghilterra nel 1912. A causa della sua nazionalità, durante la Prima Guerra Mondiale fu internato nel Lancashire dove iniziò a studiare un allenamento adatto a sé e ai suoi compagni di prigionia. 

In cosa consiste il metodo Pilates e a cosa serve?

Il metodo Pilates è un sistema di allenamento che permette di conoscere il proprio corpo utilizzandolo correttamente per ottenere una migliore postura, una muscolatura tonica e delle articolazioni più elastiche. Il risultato è visibile sul proprio corpo, che risulta più in forma e più resistente agli infortuni.

Quali sono i benefici del Pilates?

Pietro Fontana spiega e dimostra le tecniche da eseguire alla terza edizione del Fitness Music Live.

Grazie al Pilates il corpo sviluppa un generale senso di benessere migliorando la propria flessibilità, la mobilità articolare, la sensibilità motoria, le qualità respiratorie e la stabilità della colonna. Resistenza e coordinazione risultano potenziate, così come l'abilità di rilassamento, che riduce i livelli di stress.

Chi può fare Pilates? Le donne incinte possono praticare questa attività?

Se correttamente programmato, il Pilates è una disciplina adatta a tutti, giovani o anziani, atleti o semplici amatori. A seconda delle patologie, sono applicabili diversi protocolli di lavoro adeguati alle esigenze specifiche di ciascuno. È indicato per il recupero post-traumatico (dopo un periodo di fisioterapia) ed è utile per combattere problematiche articolari legate alla colonna. Il Pilates è anche propedeutico per le donne in gravidanza grazie all'ottimo lavoro legato all'attivazione controllata del pavimento pelvico e al sostegno creato alla colonna vertebrale.

Quali sono i miglioramenti e dopo quanto si ottengono?

J.H. Pilates affermava “In dieci lezioni sentirai la differenza. In venti lezioni vedrai la differenza. In trenta lezioni avrai un corpo nuovo”. È chiaro che dipende molto anche dall'intensità delle sedute, ma i primi risultati sono immediati e corrispondono specialmente al generale senso di benessere legato alla postura.

Come si struttura una lezione? 

La struttura della lezione prevede fasi in piedi e al pavimento, con e senza attrezzi. In piedi si cura un po' più il lavoro legato alla stabilità e all'equilibrio; al pavimento si lavora in quadrupedia, seduti, sdraiati o anche di fianco. Per riuscire ad eseguire gli esercizi bisogna tenere in considerazione i principi fondamentali del Pilates: concentrazione, controllo, baricentro, fluidità dei movimenti, precisione e respirazione. “La cosa importante non è ciò che stai facendo, ma come stai eseguendo ciò che fai”, diceva J.H.Pilates.

Qual è il ruolo dell'istruttore?

Il ruolo dell'insegnante è di proporre una lezione che si adatti alle esigenze di tutti e che rispetti le progressioni e le regressioni nell'eventualità in cui si vogliano incrementare le difficoltà o si voglia favorire il lavoro con degli aiuti. Un istruttore deve dimostrare la tecnica perfetta e lasciare che gli allievi provino ad eseguirla, dare informazioni precise e semplici, che stabiliscano con esattezza cosa fare e, talvolta, usare l'immagine come elemento di paragone per facilitare l'esecuzione (basta accostare le due frasi “contrai la parete addominale” e “lascia che l'ombelico scivoli verso la colonna”). Correggere, ripetere, incoraggiare, mettere in guardia dagli errori più comuni e diversificare gli esercizi in funzione delle patologie sono, quindi, i compiti essenziali di un valido trainer.

Perché il Pilates è così ricercato rispetto ad altre attività?

Il Pilates è diventato molto famoso negli ultimi anni perché è alla portata di tutti. È adatto a chi non ha mai fatto sport e diventa un'arma in più per chi ne ha fatto sempre tanto. Regala una migliore presenza corporea e ne giovano la postura e l'umore.

Copyright foto: Istock / Fitness School


Il documento intitolato « Il Pilates: tutto quello che c'è da sapere » dal sito Magazine delle donne (magazinedelledonne.it) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.