0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Tracheite: sintomi e cura

L’infiammazione batterica o virale della mucosa che riveste la trachea è chiamata tracheite.


Tracheite batterica

Si tratta di una infiammazione batterica della trachea, solitamente causata da batteri come Streptococcus pneumoniae, Haemophilus influenzae o Moraxella catarrhalis.

Altre cause

Se virale, la tracheite è dovuta alle influenze stagionali. Se l’infezione si allarga in profondità e arriva alla trachea, si parla appunto di tracheite. Tra i fattori che contribuiscono a renderci più soggetti alla trachite ci sono alcuni medicinali, una dieta povera di vitamine e ricca di zuccheri, lo stress. Ma la tracheite può nascondere in qualche caso anche una intolleranza alimentare.

Tracheite allergica

Una serie di allergeni, come polline o pelo di animale, possono causare la tracheite in soggetti allergici.

Sintomi

Tra i sintomi più comuni in caso di tracheite ci sono la tosse secca e stizzosa, un senso di dolore o bruciore retrosternale, respiro affannoso e in qualche caso febbre e malessere generale, accompagnate da laringite e bronchite.

Cura

La terapia è farmacologica e prevede l’uso (a seconda dei casi) di antinfiammatori, antibiotici, antisettici o decongestionanti. Per calmare la tosse il medico può prescrivere appositi sciroppi e aerosol.

Tracheite cronica

Quando la tracheite è cronica si consiglia di eliminare il fumo, cercare di evitare i bruschi raffreddamenti, fare soggiorni in luoghi di mare e cure termali con acque sulfuree o salso-bromo-iodiche.

Tracheite nei bambini

La tracheite colpisce spesso i bambini, anche in seguito a malattie infettive infantili, dal morbillo alla pertosse. Si possono avere anche forme recidivanti legate a riniti o adenoiditi, nel tal caso bisogna avvertire il pediatra che valuterà una eventuale asportazione.

Rimedi naturali: miele

Il miele, in particolare quello di eucalipto, è ottimo se associato a bevande tiepide, contro tosse e mal di gola, per le sue proprietà antibatteriche.


Foto: © Piotr Marcinski- 123RF
Aggiungi commento

Commento

Commenta la risposta di utente anonimo