Ernia cervicale: sintomi e rimedi

Fai una domanda
L’ernia discale cervicale corrisponde alla sciatica del braccio. Come nel caso delle ernie discali lombari, è la compressione di un nervo responsabile dei sintomi.


Dolori cervicali

Le cervicali sono delle vertebre che s’inseriscono l’una sopra l’altra tra la testa e le vertebre toraciche. Se ne contano sette e si parla di ernia cervicale quando si presenta una sporgenza anormale (uscito dal suo spazio) di una parte del disco intervertebrale situato tra le due vertebre cervicali. L’ernia cervicale è solitamente provocata da un trauma (choc) o, più spesso, da una affezione della colonna vertebrale, come l’artrosi cervicale.

Sintomi dell’ernia cervicale

L’ernia cervicale manifesta diversi sintomi, facilmente riconoscibili: dolori localizzati al livello della nuca chiamate cervicalgie: mal d testa, rigidità del collo e difficoltà ad effettuare il sollevamento della testa, formicolio definito parestesia, soprattutto al collo e che può propagarsi fino al livello del braccio. In questo caso si definisce nevralgia cervicobrachiale generata dalla compressione di un nervo dall’ernia. A seconda dell’altezza dell’ernia cervicale, i sintomi avranno una localizzazione differente (ad esempio l’ernia discale, a livello del disco).

Diagnosi

La diagnosi dell'ernia cervicale viene definita da un medico o uno specialista (reumatologo) dopo appurato esame clinico. Le radiografie del rachide cervicale sono interessanti in un primo momento per ricercare sia la presenza di un’artrosi cervicale, definita cervicartrosi o spondilosi cervicale, sia nella ricerca di uno schiacciamento di uno o più dischi intervertebrali. La diagnosi è spesso confermata da una risonanza magnetica della zona cervicale che mostra la protrusione del disco.

Rimedi per cervicale

Il trattamento è essenzialmente analgesico (con l’obiettivo di calmare i dolori occasionali causati dall’ernia). Vengono somministrati paracetamolo e farmaci antinfiammatori. Delle sedute di fisioterapie o kinesiterapia possono aiutare la flessibilità del collo e il potenziamento muscolare. Nei casi più gravi, quando l'ernia risulta molto debilitante, può essere contemplato l’intervento chirurgico.

Foto: © Levent Konuk - Shutterstock.com