Intestino pigro: cosa fare

L’intestino pigro è una patologia per cui il passaggio del cibo nel tratto digerente avviene con lentezza e difficoltà.


Sintomi

L’intestino pigro è caratterizzato da un rallentato transito del cibo nel tratto digerente, con difficoltà per chi ne soffre a svuotare regolarmente e completamente l’alvo. Questo disturbo si manifesta con gonfiore e tensione addominale, dolori e crampi. Si accompagna a stipsi, emissione difficoltosa di feci dure e sensazione di pienezza addominale anche dopo l’evacuazione.
Altri sintomi che possono manifestarsi sono alito cattivo al mattino, emorroidi (per lo sforzo di evacuazione), mal di testa e cellulite (causata dalla ritenzione idrica che ne deriva).

Conseguenze dell’intestino pigro

Questo disturbo può anche causare una serie di conseguenze spiacevoli e dannose per l’organismo. Tra queste troviamo: cistiti, fecaloma (formazione di una massa di feci dure difficilissime da espellere) e diverticoliti, soprattuto negli anziani con intestino pigro.

Cause fisiologiche

Le cause fisiologiche dell'intestino pigro sono essenzialmente due: l’età e il sesso. Per quanto riguarda il sesso, questa patologia è più frequente nelle donne perché indotta dalle variazioni ormonali del ciclo mestruale. Questo disturbo è particolarmente diffuso in gravidanza, per azione del progesterone, che rilassa la muscolatura liscia dell’intestino, e per l’ostacolo meccanico rappresentato dall’ingrossamento dell’utero.
Con l’età invece, il transito è rallentato a causa dell’invecchiamento delle strutture muscolari. Anche il neonato può presentare intestino pigro nel passaggio dall’alimentazione con latte materno a quella con latte artificiale.

Cause patologiche

Le cause possono essere patologiche e in tal caso l’intestino pigro è sintomo di una specifica patologia come colon irritabile, diverticoli e diverticolite, celiachia, ipotiroidismo e diabete.
Anche cattive abitudini alimentari (dieta ricca di grassi e povera di fibre, scarsa assunzione di liquidi)) e di vita (sedentarietà) possono causare intestino pigro. Infine, possono causarlo anche stress ed ansia e l’assunzione di farmaci (ipotensivanti, antidepressivi, antiacidità gastrica).

Intestino pigro in gravidanza

Il principale responsabile dell’intestino pigro in gravidanza è il progesterone, che è secreto per inibire le contrazioni della muscolatura liscia dell’utero e preservare la gravidanza, ma estende la sua azione su tutta la muscolatura liscia e quindi causa rallentamento del transito intestinale. Inoltre in gravidanza l’intestino assorbe più acqua e le feci disidratate e dure transitano con difficoltà nell’intestino. Infine l’aumento di peso e l’aumento di volume dell’utero contribuiscono all’intestino pigro.
Per ovviare a questo disturbo seguire una dieta ricca di fibre (frutta, verdura, cereali), evitare cibi astringenti (mela cruda, carote, riso), mangiare molta frutta e verdure cotte, assumere yogurt e bevande che contengono fermenti lattici vivi e fare una moderata attività fisica (passeggiate a passo sostenuto).

Cosa mangiare

Per quanto riguarda il regime alimentare da attuare se si soffre di intestino pigro si consiglia di assumere alimenti ricchi di fibre come frutta, verdura e cereali, assumere alimenti contenenti fermenti lattici vivi e bere molta acqua.

Cibi da evitare

I cibi da evitare in caso di intestino pigro sono cioccolato, maionese, cibi troppo speziati, latte e latticini, carni grasse, bibite gasate e alcol. Tutti questi alimenti (e bevande) posso avere un effetto irritante sull’intestino e impedire, quindi, una corretta digestione.

Rimedi naturali

La radice di cassia, contenente antrachinoni, è annoverato tra i rimedi omeopatici per l’intestino pigro grazie alla sua azione stimolante sulla muscolatura del colon. Anche corteccia di frangola e cascara, contenenti anch’esse antrachinoni, che stimolano la peristalsi favorendo lo svuotamento dell’intestino, sono consigliate. Inoltre semi di lino, semi di girasole e semi di carvi possono risultare efficaci. Utile anche la liquirizia, sotto forma di infuso di radici, che aiuta a regolarizzare il transito intestinale, poiché ha proprietà lassative ed antinfiammatorie.

Rimedi della nonna

I rimedi della nonna per l'intestino pigro sono: modificare, se errate, alimentazione e abitudini di vita, assumendo fibre ed acqua e praticando attività fisica, evitando stress e tensioni psichiche.Tra i cibi prediligere e introdurre nell’alimentazione cibi detossicanti, assunti ben maturi o cotti come mela, ananas, uva, aloe vera in succo o gel.

Rimedi in farmacia

Per quanto riguarda i rimedi farmaceutici per l’intestino pigro si tende a prescrivere dei medicinali che combattono la stipsi ed il gonfiore addominale che ne deriva. Si tratta, in genere, di lassativi osmotici, stimolanti o lubrificanti. I primi permettono di trattenere l’acqua a livello del colon in modo da rendere le feci più liquide, i secondi agiscono sulla muscolatura del colon facilitando il transito intestinale, mentre i terzi agiscono direttamente sulle feci rendendole più molli.

FOTO©: stockyimages/123RF
Pubblicato da AnnaBellini. Ultimo aggiornamento 13 febbraio 2018 alle 16:03 da GraziaFontana.
Il documento intitolato «Intestino pigro: cosa fare» dal sito Magazine Delle Donne (magazinedelledonne.it) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.