Rifarsi il seno: quanto costa?

Cristina Piotti

Quanto costa rifarsi il seno? Molte donne vorrebbero fare l’intervento di mastoplastica additiva. Ma da cosa dipende il prezzo di questa chirurgia estetica?
 

Rifarsi il seno: costo, modi e tempi per l’intervento.  © Branislav Petrovic


Costo per rifarsi il seno: un tema importante, che ha a che fare sia con le donne con seno piccolo, che vogliono aumentarlo, sia quelle che cercano un seno rifatto dopo una gravidanza che ha ne magari compromesso la tonicità.


Come rifarsi il seno

Per aumentare il seno serve un intervento di mastoplastica additiva, con l’inserimento delle protesi.
 

Rifarsi il seno senza protesi

Ma la protesi per la plastica al seno non è obbligatoria. Una delle tecniche del futuro è l’aumento mammario con lipostruttura, usando il proprio tessuto adiposo. Oggi si usa già il lipofilling via lipoaspirazione del grasso, poi reinnestato nelle mammelle.
 

Prezzi

Quanto costa rifare il seno? Si va dai 7000 euro ai 10 mila euro.
Costo, qualità e dimensioni sono tre fattori strettamente intersecati. Per questo motivo il costo dell’operazione è difficilmente definibile a priori. Molto dipende dalla tecnica che il chirurgo vorrà utilizzare, dal tipo e dalla dimensione della protesi, ma anche dai costi connessi alla gestione della struttura prescelta (quindi parliamo dei costi di una sala operatoria, di uno staff, di un chirurgo plastico, della degenza). Infine, il prezzo può variare anche a seconda della Regione nella quale avverrà l’intervento. Attenzione però: trattandosi di fattori molto importanti per la salute, oltre che per l’estetica, è bene non cercare per forza la soluzione più economica, ma quella più sicura e di eccellenza.
 

Quanto costa rifare il seno, sollevandolo?

Ci sono poi dei costi accessori, quando alla mastoplastica si uniscono altri accorgimenti, ad esempio quello di risollevare la mammella, magari scesa a causa di una gravidanza (e conseguente allattamento) o con l’età, ovvero una ptosi della mammella. In questo caso il costo potrebbe salire di almeno 2-3 mila euro.
 

Rifarsi il seno gratis

La mastoplastica additiva è considerata a tutti gli effetti una forma di chirurgia estetica e, in quanto tale, non eseguibile in regime di Servizio Sanitario Nazionale. Questo a meno che non si riscontrino precise patologie, ad esempio una asimmetria mammaria, un difetto per il quale un seno si presenta molto differente dall'altro o addirittura con completamente sviluppato.

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.