Sesso fuori dall'ordinario

Giulia Vola
  • Fetish, bondage, anale, scambista, con gli sconosciuti o all'aperto, il sesso diventa fuori dal comune. Mentre il Festival di Cannes sdogana il ménage à trois con "Love" uomini e donne sono finalmente liberi di viverlo (e goderselo) senza più pudori.

    Il sesso non si fa più (solo) in camera da letto alla Missionaria: caduti i tabù si sperimenta.


    Altro che bacchettona: l'Italia è un paese di libidinosi. "A differenza di quello che comunemente si pensa, nelle nazioni di grande tradizione cattolica come l’Italia o i Paesi del Sud America c’è una maggiore indulgenza a concedersi una certa libertà sessuale". A dichiararlo è Eric Anderson, sessuologo e Chief Science Officer di AshleyMadison.com, il celebre sito di incontri extraconiugali, che nella ricerca Faith&Passion: Impact of Religion on Infidelity - condotta nel 2014 su un campione di oltre 100 mila utenti iscritti al sito da 37 Paesi - ha raccontato un’Italia decisamente disinibita

    Un paese dove l’adulterio è tutt’altro che sacrilego per poco più di un italiano (54%) e poco meno di un’italiana (45%) su due. Scappatelle che non si confessano (lo fa solo il 19% degli uomini e il 15% delle donne) ma in cui - rivela invece un sondaggio del similare portale Gleeden.com che fotografa l'universo al femminile e non solo quello del Bel Paese - le signore danno il meglio di sé, lasciadosi andare alle fantasie erotiche più estreme. Quelle che al coniuge sono negate, per intenderci. Con tanto di sesso consumato in posti fuori dall'ordinario - non è mai stato così di moda farlo all'aperto o in ufficio - magari giocando con i sex toys, o chiedendo pratiche estreme, vedi bondage o sesso anale, mai così popolare tra le giovani e le meno giovani. Per non parlare del ménage à trois, in cima alle fantasie erotiche del Bel Paese, o del sesso fatto con gli sconosciuti - anche noto come dogging - o, perché no, con persone dello stesso sesso, così, tanto per vedere che effetto fa, secondo quella moda bi-curious che ormai non scandalizza più nessuno.  

    Così come non scandalizza più nessuno l'erotismo al femminile che dalle librerie alla rete ha sempre più angoli dedicati. I tempi sembrano maturi: le donne sono stufe di essere insoddisfatte sotto le lenzuolauna ricerca di Cosmopolitan racconta che solo il 57% del gentil sesso (a fronte del 95% degli uomini) arriva all'orgasmo. Il problema è che il  67% se lo tiene per sé, vuoi per non urtare i sentimenti del partner (il 28%), vuoi per finire prima (il 27%). 

    Insomma, chi per evadere la routine, chi per giocare in due (magari con il proprio partner) il sesso fuori dall'ordinario si sta ritagliando una fetta sempre più grande del materasso. E mentre il cinema - dalle Cinquanta Sfumature di Grigio a Love - abbatte un tabù dopo l'altro, gli italiani se la godono da tempo, coltivando fantasie e raccogliendo lussuria. Eccovi un assaggio.

    Copyright foto: Istock
  • Sesso Fetish


    Corsetti, lattex, cuoio: il sesso fetish si concentra sui dettagli.


    Un dettaglio del corpo: per gli uomini, dicono i datiper lo più i piedi, seguiti dal lato B e poi (guarda che caso) dalle caviglie. O di un indumento, dalle scarpe (in testa) ai corsetti, passando per guanti, calze e simili. O di un tessuto, dal lattex al cuoio fino al nylon. O di uno dei sensi, nessuno escluso. Il sesso in salsa fetish si concentra su una parte - il feticcio - che, da sé, rappresenta il massimo dell'erotismo

    Le svariate pratiche feticistiche dipendono dal canale sensoriale o dalla natura del feticcio più affascinante: a ciascuno il suo. Lo psicologo e ipnotista francese Alfred Binet - secondo cui "l'amore normale" non è che il risultato di una complicata forma di feticismo -, suggerì la classificazione dei feticismi come "amore spirituale" o come "amore plastico" a seconda dell'oggetto del desiderio: più mentale o più concreto. Per gli amanti del fetish, la venerazione del feticcio è importante tanto quanto il coito

    Copyright foto: Istock
  • Sesso e Bondage


    Voyeuristico e costrittivo, il bondage ha conquistato il grande pubblico grazie alle "Cinquanta Sfumature di Grigio".


    Prima delle Cinquanta Sfumature di Grigio il bondage era una pratica per pochi eletti. Oggi pare come il prezzemolo. A farla semplice - perché non è un sesso all'acqua di rose e prima di praticarlo è necessario avere una certa confidenza con il partner e nonostante la fiducia assoluta va sempre mantenuto un certo controllo della situazione, magari anche attraverso un codice comune - è un erotismo dove i partner (a turno o con ruoli fissi) si sottomettono l'uno all'altro accettando la costrizione della propria libertà fisica con manette, corde, foulard, bavagli, corsetti, cappucci ma anche catene, moschettoni e gabbie. Il non potersi muovere, parlare, vedere e magari neanche sentire, scatena la libido e il desiderio. Ma ricordate: la consenzialità è essenziale così come la conoscenza delle tecniche.

    Copyright foto: Istock
  • Sesso Scambista


    Lo scambismo ha conquistato le grandi città dove i locali chic spuntano come funghi.


    A sdoganare il sesso scambista al grande pubblico, ripulendolo dai tabù, ancora una volta, è stato il cinema con Eyes Wide Shut, l'ultima pellicola di Stanley Kubrick. Non è un caso se, l'indomani, Emma Sayle - grande amica della duchessa di York, Kate Middleton in persona - ha aperto a Londra il Killing Kittens, l'esclusivo club rivolto all'élite sessuale che si incontra e si scambia. E ha fatto il botto, tanto che a marzo 2015 ha esportato il modello a New York

    "Quando ho iniziato - ha raccontato al The Guardian - non c'erano progetti dedicati alle donne. Non esistevano luoghi sicuri di esplorazione della sessualità femminile. Ora le donne sanno che possono ottenere le stesse cose degli uomini. Nel mio club esistono però delle regole: alle feste gli uomini non possono avvicinare le donne a meno che non le conoscano già, tutti indossano delle maschere in stile Eyes Wide Shut, i maschi single non sono ammessi. Se ci sono 70 donne e 30 uomini è tutto molto più eccitante. Siamo onesti: le donne sono creature più gentili e molto più belle, quando sono nude".  

    Che si voglia guardare o che si voglia esibire, lo scambismo, in Italia, piace a più di due milioni di persone che, per per spezzare la monogamia, si ritrovano e, per l'appunto, si scambiano. Dove? Ovunque: all'aperto, nei locali ad hoc, nei parcheggi (pare che i Car Parking Sex dello Stivale siano più di 1400). Come si conoscono? Un po' per passaparola e molto su internet, dove i siti dedicati sono più di 80mila.  

    Copyright foto: Istock
  • Sesso con gli sconosciuti (anche detto dogging)


    Il "dogging", il sesso con gli sconosciuti, si fa allegramente anche in Italia.


    La moda (che ha contagiato pure l'Italia) di fare sesso in luoghi pubblici, con sconosciuti, a condizione di non rivedersi mai più, è stata battezzata dagli inglesi “dogging” per via della scusa che strappa i libidinosi dalla vita domestica con l'alibi, per l’appunto, di portare il cane a fare un giro. E invece. 

    Tanto semplice quanto adrenalinica, gli amanti si accalappiano sul web o nei luoghi che, in ogni città, il passaparola suggerisce e si danno appuntamento in auto, o al parco, ben consapevoli che, se qualche doggers voyeur vuole unirsi al gioco è il benvenuto.

    Copyright foto: Istock
  • Sesso all'aperto


    Il sesso all'aperto, oltre a scatenare l'adrenalina si nutre dei benefici del Sole.


    Secondo Tracey Cox, la nota sessuologa britannica, i posti migliori per fare sesso sono quelli dove al rischio di essere scoperti si mescola l'intimità raccolta della coppia. Il tutto, se possibile, sfruttando appieno i benefici della natura. Vedi l'acqua che annulla la gravità, i raggi del sole che, stimolando il bioritmo, migliorando la performance, il terrazzo di un hotel per il brivido. Va da sé, ammonisce la Cox, che è meglio evitare di esporsi in situazioni pericolose, soprattutto laddove i sistemi giudiziari sono severi con chi se la spassa all'aria aperta o in luoghi pubblici.

    Raccomandazione che in Italia non sempre è stata colta in pieno, soprattutto negli ultimi tempi dove le coppie sorprese a fare sesso all'aperto - perfino nel dehors di un bar nel pieno centro di Udine - non fanno nemmeno più notizia. Ma vengono arrestate per atti osceni. Quindi fatelo, ma con criterio.  

    Copyright foto: Istock
  • Sesso con i sex toys


    Le coppie che giocano con i sex toys durante il sesso sono sempre di più.


    Ci sono le donne che lo dichiarano e quelle che lo fanno in segreto, quelle che si trastullano da sole e quelle che condividono il giochino con il partner: è un fatto che i sex toys sono ufficialmente entrati nel magico mondo dei consumi di massa. Italia inclusa dove, stando a un’indagine di MySecretCase sull’autoerotismo, quasi il 90% delle donne ha anche solo desiderato un sex toy. Lo sa bene Valeria Benatti, voce di Rtl 102.5 e volto televisivo autrice di Love Toys (Giunti) - un romanzo sull’amore, il più bel gioco del mondo che utilizza strumenti di piacere. 

    Copyright foto: Istock
  • Sesso Bi-curious


    Molte donne eterosessuali cercano avventure omosex per una notte.


    La curiosità è femmina (ma non solo). Niente di scandaloso, quindi, se capita che felici eterosessuali si concedano esperienze omosessuali per una notte. D'altra parte nel magico star system è una pratica consolidata. A fotografare la continua crescita della realtà bi-curious italiana è un sondaggio condotto nel 2013 da AshleyMadison,  il social network dell’extra-coniugale, che quantificava in circa 15mila gli etero alla ricerca di esperienze piccanti con persone dello stesso sesso. Le donne erano ben rappresentate: due su dieci.  

    Negli States, invece, Chelsea Reynolds, docente di Giornalismo e Comunicazione all’Università del Minnesota, spulciando tra gli annunci di Craigslist - il portale più popolare di New York dove la gente chiede, scambia e vende di tutto -, ha scoperto una caterva di annunci di donne (dichiaratamente etero) alla ricerca di altre donne. 

    Incuriosita, la Reynolds ha allargato la ricerca ad altre dieci grandi città americane. Risultato: “È un fenomeno di grandissime proporzioni - spiega la docente -. Si tratta di migliaia di annunci ogni anno, tutti di eterosessuali vogliose di esperienze lesbo. In tre giorni sono stati postati circa 400 annunci. Molte di loro specificano: «Mio marito non lo sa e non si unirà a noi» e «Voglio una donna donna, non una donna-maschiaccio»Gli avvisi sono chiari". 

    Niente a che vedere con l'omosessualità o la bisessualità: se appena il 7% delle americane si dichiara lesbica o bisex, quello delle donne etero che ogni tanto cerca esperienze omosessuali arriva al 25%. Chiariamo: gli annunci chiedono esperienze di una notte sola. Le donne in questione non hanno dilemmi esistenziali da risolvere ma solo voglia di spezzare la routine, di divertirsi. Per l’amore ci sono gli uomini e nelle loro vite ci sono famiglie felici. 

    Copyright foto: Istock
  • Sesso (almeno) in tre


    Il sesso (almeno) in tre piace alle donne come agli uomini.


    Il ménage à trois (o più) è una delle fantasie più praticate in Italia. A rivelarlo, ancora un volta, un sondaggio di AshleyMadison: il 36%, degli uomini e il 33% delle donne - seconde solo alle greche con il 38%, ma davanti alle brasiliane ferme al 28% - si sono ritrovati a divertirsi in un letto a tre piazze. 

    Mentre il Festival di Cannes celebra il triangolo sotto le lenzuola con Love, la pellicola in 3D firmata dal regista Gaspar Noè, gli esperti praticanti raccomandano a tutti gli interessati di affrontare il discorso alla lontana (alla proposta diretta, meglio prima informarsi), di lasciare fuori dalla camera da letto amici (altrimenti le avventure hard rischiano di trasformarsi in gelosie perverse come ha ben raccontato al cinema Vicky Cristina Barcelona di Woody Allen) e di preferire sconosciuti - possibilmente "certificati": l'attrazione è un elemento fondamentale - e di giocare tutti insieme, senza lasciare nessuno con le mani in mano. A meno che non faccia parte delle regole, s'intende.

    Copyright foto: Istock
  • Sesso con i robot


    Tra 15 anni, dicono i futurologi, faremo sesso con i robot.


    Il sesso con i robot è questione di tempo: dieci, al massimo quindici anni e ci siamo, il silicio non farà compagnia solo ai cuori solitari ma anche agli amanti distanti che di fare a meno l’uno dell’altro, proprio non ne vogliono sapere. In barba alla carne e alla chimica, la robotica promette di trasformare il sesso, e pure la sessualità, mandando in pensione l’orientamento che, prevedono gli esperti, ha fatto il suo tempo. 

    Nell'attesa che venga quel giorno, c'è sempre il sesso virtuale, o meglio, quello che di virtualità si nutre: la rete pullula di angoli dove sempre più donne scoprono e coltivano la libidine lussuriosa

    Copyright foto: Istock

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.