Fellatio: come fare sesso orale

Barbara Costa
Il sesso orale, anche detto fellatio, è uno dei preliminari che più piace agli uomini. Ecco qualche consiglio per arrivare preparate e regalare piacere.
Per una fellatio perfetta è importante stimolare non solo il pene ma anche i testicoli. © Mikhail Lukyanov/123RF


Fellatio, ovvero sesso orale, ovvero la stimolazione del pene con la bocca. In realtà è molto di più e non è un caso se uno dei preliminari per lui più amati: sono carezze con le labbra e con la lingua che, in un crescendo di piacere, si trasformano in baci appassionati in grado di portare il partner ad intensi orgasmi. Orgasmi ordinari e orgasmi straordinari, quando la stimolazione si concentra solo sul glande (la punta del pene) e solletica la prostata. Ma procediamo per gradi.


Sesso orale, sesso lubrificato

Dal momento che riproduce la penetrazione, la prima regola del buon sesso orale è: nessuna frizione. Perciò, se siete tese o per qualche motivo inibite, sfoderate un gel lubrificante (magari fruttato) così da unire l’utile al dilettevole.


Pene, testicoli e perineo

Come in tutte le danze erotiche, anche in quella della fellatio è importante avere movimenti armoniosi e sinuosi, mai meccanici e monotoni. Tradotto in pratica, non significa muovere il pene in bocca avanti e indietro ma alternare la penetrazione con baci, carezze con la lingua, concentrandosi intorno alla corona (la parte che unisce il pene al glande), sul frenulo e sulla punta, da risucchiare e mordicchiare con (estrema) cautela. Oltre al pene poi, è importante non dimenticare i testicoli e il perineo, in particolare la zona dove si trova il punto L, anche detto punto G maschile. Naturalmente, le mani sono libere di andare in esplorazione dei genitali, da masturbare con sensualità e cercando di cogliere i gemiti (e i desideri) del partner.


Le posizioni di un rapporto orale

A proposito di posizioni, la fellatio offre diverse varianti: dalla più pudica, a carponi nascoste sotto le coperte del letto, alla più erotica, inginocchiata con il partner seduto o in piedi, magari appoggiato al muro o a un tavolo, fino al 69, la posizione per masturbazioni reciproche. L’importante è sentirsi a proprio agio e lasciarsi andare, portando l’uomo a eiaculare: ingoiare (o meno) lo sperma (quello che l’acronimo inglese ha bollato come CIM), invece, è una scelta tutta vostra.

 

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.