Virginia Raffaele-Melania Trump: Facciamo che io ero sbarca su Rai2

Giulia Vola

Virginia Raffaele sbarca su Rai2 con Facciamo che io ero, un "varietà contemporaneo" che porterà in scena le storiche maschere e alcune new entry, prima tra tutte Melania Trump.

Virginia Raffaele nei panni di Melania Trump: una nuova maschera nel varietà Facciamo che io ero. © YouTube


Facciamo che io ero Melania Trump. E poi Marina Abramovic. Ma anche Ornella Vanoni, Sabrina Ferilli, Belén Rodriguez e Carla Fracci, solo per fare qualche nome. Io è sempre Virginia Raffaele che nel suo primo one woman show - al debutto giovedì 18 maggio alle 21.20 su Rai2 - interpreta anche se stessa.

"Non faccio satira politica - ha spiegato presentando Facciamo che io ero -. Io faccio satira di costume e guarda caso, a volte, le due cose coincidono”. Il primo assaggio arriva dalla Casa Bianca dove, di azzurro vestita, con la bandiera a stelle strisce alle spalle, Virginia Raffaele imita la First Lady. “Buonasera Italia e buonasera ai meravigliosi spettatori italiani - esordisce -. Sono molto dispiaciuta per questo fatto increscioso, intendo dire per la Terza guerra mondiale. Ho provato così tanto a parlare con mio marito Donald, ma era molto occupato con il parrucchiere. Non c'è nessuna Terza guerra mondiale oggi, ma domani. Enjoy the show!".

Irriverente, divertente e arguta, l’imitatrice è pronta per conquistare il pubblico con il suo “varietà contemporaneo, con tre piste come al circo, a ricordare le mie origini, i miei nonni, l'avanspettacolo". Cresciuta a pane, circo e Luna Park (sua nonna era cavallerizza e la sua casa il Luneur di Roma), la 36enne porterà sul piccolo schermi un carosello di maschere storiche e nuove - tra cui quella di se stessa, nei panni di una conduttrice che accoglie ospiti veri - in un’alchimia di finzione e realtà dove la sua Carla Fracci darà il benvenuto al vero Roberto Bolle, tanto per dirne una.

"Non so se con la maschera mi nascondo o mi espongo - prova a capire l'attrice - perché a volte, se sei qualcun altro, quello che dici prende una doppia velocità”. Ci tiene, però, a ribadire che le sue, “sono interpretazioni attoriali” e non tanto imitazioni. Insomma, “cerco di reinterpretare le persone”. Come fa da sempre, per altro: “quando oggi sono al trucco mi sembra di tornare piccola quando mamma mi mascherava per carnevale. Ero tesissima, come se dovessi davvero interpretare la Fata Turchina. Purtroppo a 8 anni mi ha mascherato da vecchia: ho camminato per un giorno intero gobba".

A forza di camminare, però, è arrivata dove voleva: “Io da bambina sognavo di fare questo. È sempre stato il mio gioco, fin dai primi travestimenti di carnevale e e spero che continui ad esserlo”. Ecco perché questa volta si mette in gioco fino in fondo: “ci sarò anche io che getto la maschera e resto nei panni di me stessa a far girare la giostra. E la cosa almeno un vantaggio ce l'ha: non potrò quelerarmi".

 


Copyright video: YouTube@Rai

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.