Formaggi in gravidanza: quelli che si possono mangiare

Eleonora Chiais

Formaggi stagionati o a base di latte pastorizzato: in gravidanza via libera a mozzarella, fiocchi di latte, parmigiano, pecorino. 
 

I formaggi in gravidanza si possono consumare ma si devono preferire quelli realizzati con il latte pastorizzato e quelli stagionati. © Vadim Guzhva/123rf

 

I cibi vietati in gravidanza sono tanti ma sono altrettante le prelibatezze alle quali non si deve rinunciare per togliersi qualche sfizio gastronomico durante la dolce attesa. Per le amanti dei formaggi, ad esempio, la lista di quelli permessi è lunga e spazia dai più stagionati (come il parmigiano e il pecorino) fino a quelli freschi (come la mozzarella. i fiocchi di latte e i formaggi spalmabili) purché siano a base di latte pastorizzato. E il perché è presto detto: nei nove mesi di gestazione, infatti, il rischio principale legato al consumo dei formaggi è quello della listeriosi (un’infezione causata dal batterio Listeria monocytogenes che nei casi peggiori può causare la meningite.

 

Formaggi - gravidanza: cos'è la listeriosi?

La listeriosi, nella sua forma più comune, causa una serie di sintomi che spesso si possono confondere con quelli di una banale influenza perché - quando si manifesta - porta in primo luogo febbre, dissenteria e vomito. Anche nella sua forma più leggera, però, la listeriosi può costituire un serio rischio sia per il bambino che per la mamma. Come evitarla? Evitando (anche) alcune tipologie di formaggi come quelli molli, a base di latte non pastorizzato o con molte muffe. No, quindi, a Camembert, Brie, Roquefort, e Gorgonzola che, data la loro bassa acidità e la loro grande umidità interna, hanno un ambiente estremamente adatto alla proliferazione dei batteri tra cui quelli della listeriosi, appunto.

 

Formaggi pastorizzati (e non solo) 

Ma tra i formaggi che si possono consumare in gravidanza la scelta è ampia e si spazia da quelli pastorizzati fino, come si diceva, a quelli più stagionati dove la quantità d'acqua è minore e dove, di conseguenza, i batteri non riescono a  sopravvivere. Tra i primi via libera, per esempio, ai fiocchi di latte, alla feta, alla ricotta, alla mozzarella e ai formaggi spalmabili mentre tra i secondi andranno bene sia il parmigiano che il pecorino stagionato. Per le mamme in attesa più golose, poi, è bene sapere che la cottura ad alte temperature elimina i batteri e quindi nulla vieta di concedersi un risotto ai formaggi o una pizza "rinforzata". 
 

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.