Pap test: quando farlo?

Cristina Piotti
Il test di Papanicolaou è un esame che ormai tutte conoscono, molto importante per la prevenzione del papilloma virus. Ma il pap test fa male? La nostra esperta ci spiega quando farlo e perché.

Il pap test è un esame fondamentale per la prevenzione del tumore dell'utero.


Un esame fondamentale, che aiuta a prevenire il papilloma virus. Il pap test deve essere fatto con regolarità, però, e seguendo una serie di tempistiche e regole precise, che assicurano la sua efficacia e la nostra salute. La nostra esperta, Morena Terracciano, ostetrica alla clinica Mangiagalli della Fondazione Ca' Granda Policlinico di Milano, ci spiega quel che dobbiamo sapere a riguardo.  

Cos'è il pap-test?

Il Pap test è un esame che analizza le cellule che vengono prelevate sul collo dell'utero e nel collo stesso. Analisi che è risultata preventiva per la diagnosi di tumore all'utero.  

Quando fare il pap test?

È un test che deve essere fatto ogni tre anni, con regolarità, a partire dall'inizio dell'attività sessuale o comunque dai 25 anni.

Il pap test fa male?

Può essere fastidioso. Per farlo il medico posiziona lo speculum (dilatatore vaginale) e con una bacchetta di legno preleva le cellule del collo dell'utero esterne, mentre con uno spazzolino quelle interne al collo. Entrambi i prelievi vengono strisciati su un unico vetrino, che verrà analizzato in laboratorio.

Ogni quanto bisogna fare il pap test?

Se il risultato del test è negativo ogni due anni, se anomalo bisogna invece seguire le indicazioni del ginecologo.

Copyright foto: Fotolia

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.