Come conservare le castagne: metodi e consigli

Anna Paola Bellini

La conservazione delle castagne può avvenire in diversi modi. Scopiamo insieme come fare e qualche piccola astuzia.
 

Le castagne possono essere gustate tutto l'anno: vediamo come. © Natalia Lisovskaya/123RF


Le castagne (come i marroni) sono dei frutti tipici del periodo autunnale, ma con delle tecniche di conservazione specifiche è possibile gustarle tutto l’anno. Esistono, infatti, tre metodi infallibili per poterle conservare anche per diversi mesi: la curatuta in acqua, la congelazione e l’essiccazione.
 

Conservare le castagne fresche

Per conservare le castagne appena raccolte la curatura (tecnica di tradizione contadina) è l’ideale: una volta pulite le castagne (basterà eliminare eventuali impurità con l’ausilio di un panno) bisognerà immergerle completamente in acqua fredda senza cloro e lasciarle a mollo in questa stessa acqua per 5 giorni. Trascorso questo tempo, asciugare con cura le castagne e lasciarle per (almeno) un paio di giorni in un luogo areato, in questo modo verrà eliminata l’umidità in eccesso. Per concludere, trasferire le castagne all’interno di un sacco in iuta e conservarle in un luogo fresco (a circa 4°) ed asciutto.
 

Conservazione delle castagne: come fare

Se avete, invece, intenzione di conservarle per poi arrostirle, dopo averle accuratamente pulite con un panno, inciderle sulla superficie (così saranno subito pronte all’uso),  inserirle all’interno di sacchetti appositi e porle in freezer. Attenzione però: la temperatura iniziale di congelamento dev’essere di -20°, solo in seguito possono essere trasferite all’interno di un congelatore domestico alla temperatura ordinaria.
 

Essiccare le castagne

L’ultimo metodo di conservazione che vi proponiamo è l’essiccazione (il metodo più antico). Esattamente come i per peperoncini, si tratta di fare in modo che le castagne si disidratino al sole. Questa tecnica permette la conservazione di questi frutti per un periodo superiore ai 12 mesi.  Basterà esporre le castagne al sole per tutto il giorno (adagiandole su una griglia) e riporle in un luogo asciutto la sera. Le castagne andranno poi rimescolate tutti i giorni. Per quanto riguarda il tempo di essiccazione, naturalmente, dipende dalle condizioni atmosferiche, ma di norma non prende più di cinque o sei settimane.


Potrebbe interessarti: Castagne al forno, bollite, al microonde o in padella?

 

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.