Pastrami: origini e ricetta

Anna Paola Bellini

Il pastrami è una specialità di origini mediorientali ancora poco nota nel nostro paese. Scopriamo insieme origini e metodo di preparazione di questa carne succulenta. 
 

Il pastrami è una succulenta preparazione a base di carne. ©  alexsalcedo1/123RF


Il pastrami è ormai piatto nazionale americano, ma dove trova le sue origini questa prelibata specialità? Come si prepara? Vediamo insieme le origini e la preparazione di questa golosa specialità di carne, ancora non troppo conosciuta nel nostro paese.
 

La ricetta del pastrami: le origini

Il pastrami è un pezzo di carne (di manzo, montone o agnello) ricoperto di spezie e preparato in maniera molto particolare. In America questa prelibata specialità spopola, ma le sue origini sono ben diverse. Pastrami, infatti, viene dal rumeno pastrama, “conservare”, proprio perché, probabilmente, questa preparazione è nata da un metodo di conservazione antico della carne. Nonostante le origini rumene, questa prelibata pietanza viene preparata anche in Turchia e Israele.  In questi ultimi due paesi si usa prepararlo di montone o di agnello, seguendo la stessa preparazione di quello di manzo.
 

Pastrami di manzo

Come detto, il pastrami è essenzialmente un pezzo di carne. Il più celebre è quello di manzo che viene preparato in circa 3 settimane. Dopo aver ricoperto la carne (punta del petto di manzo) con un mix di spezie (aglio, pepe nero, chiodi di garofalo, paprica e coriandolo), questa viene lasciata riposare in salamoia per tre settimane ed in seguito prima affumicata poi e cotta al vapore (per renderla leggera). In America, luogo in cui il pastrami è diventata quasi una pietanza tipica, viene servito tagliato sottile, tra due fette di pane di segale, con senape e cetriolini. 

Piccola curiosità: nella celebre scena tratta dal film Harry ti presento Sally, in cui lei simula un orgasmo, sta mangiando un sandwich al pastrami.

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.