Dimagrire correndo, un programma per l'estate

Cristina Piotti
La corsa per dimagrire e rassodare le gambe. Qual è il piano di allenamento migliore? Lo spiega un libro.

Un libro ci spiega come perdere peso correndo, ma controllando anche l'alimentazione.


La corsa per dimagrire. C'è chi parla di almeno 30 minuti al giorno e chi invece sostiene che non è la corsa ma la camminata veloce ad aiutare la remise en forme.

In soccorso, con un programma di allenamento e tante spiegazioni utili per chi vuole iniziare a correre per riprendere tono muscolare arriva un libro.

Dimagrire di corsa

Il libro Dimagrire di corsa di Daniel Fontana (scritto con la nutrizionista Elena Casiraghi), edito da Mondadori, è una lettura perfetta per chi vuole trovare nella corsa la risposta alla ricerca di un corpo più tonico. Fontana è nientemeno l'ironman italiano, ovvero un campione di triathlon.
Il quale, nonostante corra per passione, ha dedicato un libro proprio a chi si cimenta nella corsetta per perdere qualche chilo di troppo e la pancia. Il grande triatleta italiano, che da pochi anni ha scelto di concentrarsi sulla distanza più impegnativa (3,8 chilometri di nuoto in acque libere, 180 chilometri in bici e, per finire, una maratona) parte proprio dalla sua esperienza per spiegare a tutti noi che, nella sua disciplina come in qualsiasi altra attività fisica, servono un allenamento graduale e mirato, un’ottimale condizione fisica e uno stile di vita sano e regolato. Ma attenzione anche al giusto atteggiamento mentale, che racchiuda tenacia, determinazione e motivazione.

La corsa per dimagrire

A chi vuole correre per vedere l'ago della bilancia scendere, Fontana consiglia proprio di partire da un concetto fondamentale: la motivazione. Ed ecco allora una serie di idee e spunti dalle quali prendere a piene mani, ricordando a se stessi che, peso a parte, la corsa aiuta l'intero organismo, dal cuore ai polmoni, dall'umore al buon sonno.

Corsa: le scarpe adatte

Il secondo passaggio è segnare gli obiettivi raggiungibili a seconda della propria forma fisica e del grado di allenamento, con una veloce tabella di allenamento che propone l'autore. Il quale spiega poi, tra suole e appoggio del piede, come trovare tra le tante marche, la scarpa che fa per noi. Con una serie di spunti che, per la verità, dovremmo imparare per la scelta di qualsiasi calzatura. Un esempio? Provare sempre entrambe le scarpe, perché spesso un piede è più grande dell'altro. Si passa poi ovviamente all'abbigliamento, con il suggerimento di abbandonare le vecchie t-shirt di cotone in favore di un abbigliamento più tecnico, tra il quale districarsi tra cuciture e materiali traspiranti.

Programma corsa per dimagrire

Fissato l'obiettivo in mente e scelto l'abbigliamento giusto, ecco il piano di lavoro da stendere (dopo una visita medica d'obbligo). Da non dimenticare, il diario dell'allenamento, dove segnare i progressi. E poi, allenamento graduale, riscaldamento, potenziamento. Una serie di attività che, spiega, ci aiutano a perdere peso, in barba a tanti falsi miti, come quello che dice che, di contro, s'ingrosseranno le gambe. Si termina poi con una serie di fondamentali consigli alimentari, da quanta frutta magiare a come evitare di abbuffarsi dopo la corsa, vanificandola. E ancora, come evitare di perdere massa muscolare invece che grassa, quali grassi sono buoni per i neo-corridori, la regola dei terzi nell'alimentazione (per un gustoso ma sano pasto post corsetta) e persino una dieta adatta a chi muove i primi passi e vuole unire attività fisica ad un regime alimentare corretto e controllato.

Copyright foto: Fotolia

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.