Festa della Repubblica spiegata ai bambini

Eleonora Chiais

Il 2 giugno 2016 si festeggia il settantesimo anniversario dalla nascita della Repubblica Italiana: come spiegare ai bambini l’importanza di questa festa? Ecco qualche consiglio.


Per spiegare la Festa della Repubblica ai bambini iniziate dalla storia e poi scatenate la fantasia tra merende tricolore e lavoretti ad hoc.

 

Giovedì 2 giugno è festa nazionale, le scuole sono chiuse ed è importantissimo, per i genitori, far capire ai bambini il perché di questa vacanza che, arrivando a pochi giorni dalla fine della scuola, può stupire un po’ i giovani scolari. In realtà, come le mamme e i papà sanno bene, la Festa della Repubblica è una ricorrenza importantissima che, nel 2016, festeggia tra l’altro il suo 70esimo anniversario: come raccontarla ai più piccoli, però? Ecco qualche consiglio.

 

C’era una volta un Re…

Il suggerimento è quello di iniziare dai fatti storici raccontando che il 2 e il 3 luglio del 1946 si tenne il referendum destinato a cambiare il nostro paese per come lo conosciamo oggi. La domanda che venne fatta agli elettori, si sa, li invitava a scegliere tra repubblica e monarchia e più di 12 milioni di persone apposero la loro crocetta sulla prima possibilità segnando la fine del Regno dei Savoia durato 85 anni e costringendo il re e la famiglia reale all’esilio. 

Si trattò di una data importantissima, in primis per il cambiamento costituzionale ma anche perché, proprio in questa occasione, il suffragio fu universale e anche le donne – per la prima volta alle elezioni politiche – poterono esprimere la loro preferenza ottenendo, almeno dal punto di vista elettorale, diritti uguali agli uomini. Oggi, a 70 anni di distanza, dell’eguaglianza di genere (auspicata, bistrattata, sognata e non ancora del tutto realizzata) si continua a discutere ma resta la certezza che proprio l’ingresso delle signore in cabina elettorale rappresentò un importantissimo nuovo inizio.

 

2 giugno: i libri per bambini

Una volta fatto il quadro storico di tutta la situazione (ricordandosi anche che, quale che sia la trama, generalmente i bambini apprezzano molto le storie di Re e Regine!) arriverà finalmente il momento di godersi questa giornata di festa trascorrendo un po’ di tempo tutti insieme. Per continuare a celebrare la ricorrenza, ad esempio, potrete pensare di leggere un bel libro, ovviamente a tema, tutti insieme magari comodamente seduti su una coperta in un parco. Sui titoli adatti ai bambini non c’è che l’imbarazzo della scelta. Un classico è La costituzione è anche nostra, di Roberto Piumini e arricchito dalle splendide illustrazioni di Emanuele Luzzati, che racconta i valori della Repubblica Italiana attraverso 15 parole chiave che vanno da “democrazia” a “tricolore” passando, tra l’altro, attraverso tematiche strettamente attuali come “accoglienza dello straniero” e “pace”. Un’alternativa? Le simpatiche avventure di Gary Baldo cane italiano. L'unità d'Italia spiegata ai bambini oppure il nuovissimo Buon Compleanno, Italia! di Angelo Petrosino che, questa volta, porta la simpatica Valentina nella Torino del passato remoto. 


Lavoretti per bambini: festeggiamo l'Italia

I piccoli di casa sono troppo piccoli per appassionarsi alla lettura di un libro? Invitateli a far sfoggio di fantasia creando - ad hoc - dei lavoretti celebrativi. La prima possibilità sarà quella di costruire una bella bandiera fatta in casa a partire da tre semplici fogli di carta (uno da lasciare bianco, uno da colorare di rosso e l'ultimo da dipingere di verde) per poi unirli con un po' di nastro adesivo e legarli a un rametto. Ma non solo. I più creativi, infatti, potranno cimentarsi in un disegno per il compleanno dell'Italia mentre i buongustai potranno provare a realizzare una merenda tricolore. Gli ingredienti? Fragole, panna (o, semplicemente, zucchero) e un bicchiere d'acqua con lo sciroppo alla menta!


Copyright foto: Fotolia

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.