Ghirlande natalizie: fai da te originali

Giulia Vola

Le ghirlande natalizie fai da te sono belle e a costo zero: per crearle basta un po' di riciclo creativo e fantasia. Ecco qualche spunto per tutti gli stili.

La ghirlanda natalizia s'impreziosisce con le palline dell'albero di Natale. © fesenko/123RF

 

Corone di Natale fai da te shabby o glam

Le ghirlande natalizie fai da te sono corone addobbate all'insegna della creatività. Gli amanti dell'arredamento shabby, dove l'imperativo è ricorrere il più possibile a materiali naturali, prendono a prestito castagne, cortecce, pigne, rami, frutta e foglie secche. Per realizzare le corone le alternative sono due: si possono intrecciare e sovrapporre i rametti creando un cerchio (spuntando le eccedenze) che va tenuto insieme con un cordino e poi decorato inserendo i prodotti della natura a piacere; oppure si possono incollare i frutti (le pigne, le castagne, le noci, le mandorle e chi più ne ha ne metta) l'uno all'altro con la colla a caldo e poi inserire foglie, fiori, ma anche fiocchi, nastri o creazioni in feltro a seconda del gusto. Per dare un tocco glam basta, una volta finita, spruzzare un po' di vernice dorata o argentata, assecondando le tendenze del Natale 2017


Ghirlande di Natale con la carta igienica

La ghirlanda natalizia ricicla i rotoli di carta igienica. © Comieco

Con il riciclo creativo si creano ghirlande natalizie originali ed eco chic, da sfoggiare sulla porta di casa nel periodo delle Feste. La più elegante si crea riciclando i rotoli di carta igienica: procuratevene 16 oltre a forbici, spillatrice e colla. Per prima cosa appiattite i rotoli, quindi tagliateli in 4 parti così da ottenere pezzi alti circa 2 centimetri e mezzo: disponete 16 pezzi in verticale, a formare un cerchio e pinzateli tra loro, quindi posizionatene altri 16 in orizzontale intorno al cerchio e pinzateli con due graffette (in prossimità delle punte). Infine gli ultimi 32 pezzi vanno disposti intorno al secondo cerchio in senso antiorario e assecondando il buon gusto così da creare un po’ di movimento nell'ultimo cerchio. A questo punto la ghirlanda è pronta per essere decorata con pigne e castagne, fette di arancia essiccate, bacche o rami d'abete.


Come fare le ghirlande di Natale: spunti creativi

Sempre a proposito di riciclo creativo, le possibilità di realizzare le corone di Natale soddisfano tutti i gusti: con i becchi d'oca e le grucce di metallo le ghirlande si fanno di design; con i tappi di sughero (perfetti per creare anche il presepe) e le mollette di legno, lo stile è subito country chic; con le le lampadine di vetro, le bottiglie e i bicchieri di plastica il mood si fa urban. Le mosse sono poche e semplici: i tappi di sughero s'incollano l'uno all'altro a formare un cerchio da addobbare a piacere; le grucce di metallo si aprono con un paio di pinze, si distendono a cerchio, si addobbano infilando decine di palline colorate e poi si richiudono; per i becchi d'oca basta ritagliare una base in cartone e infilarle in senso alternato; le mollette di legno si smontano, s'incollano (i dorsi) e si dispongono a mo' di stella; le lampadine in vetro si verniciano e poi s'incollano l'una accanto all'altra a una base (un cartoncino spesso o una ciambella di cartapesta). Infine, delle bottiglie e dei bicchieri di plastica si usano i fondi che vanno dipinti con vernice spray, cosparsi all'interno di colla vinilica e poi incastrati l'uno dentro l'altro a cerchio e quindi incollati a una superficie circolare.

Annunci Google

Nessun commento per il momento.