Vivere nelle case del cinema

Giulia Vola
  • Da "Twin Peaks" ad "House of Cards" passando per "Colazione da Tiffany", "Il Grande Lebowski" e "Il Silenzio degli Innocenti", ecco le case che hanno fatto la storia del cinema.

    Beyoncé e Jay Z hanno appena affittato la casa in cui fu girato "Il Grande Lebowski", film che ha fatto la storia del cinema.


    Dal set cinematografico alla realtà quotidiana, vivere nelle case che hanno fatto la storia del cinema è un sogno realizzabile. Se, infatti, gli interni molto spesso sono ricostruiti in studio, le facciate esterne hanno un indirizzo preciso e infilare la propria chiave nella stessa toppa usata da Audrey Hepburn in Colazione da Tiffany, da Demi Moore in Ghost, da Kevin Spacey in House of Cards piuttosto che da Sarah Jessica Parker in Sex and the City, è un lusso che fa gola a molti.

    Lo sanno bene Beyoncé e Jay Z che, dopo lo sfratto villa di Holmby Hills, hanno affittato per 150mila dollari al mese, la villa che fu il set de Il Grande Lebowski: grandi saloni, una cucina professionale, cinque camere da letto e sei bagni per un totale di quasi duemila metri quadri, senza dimenticare la grande biblioteca con studio, le due piscine, di cui una olimpionica coperta con idromassaggio, un bagno turco, una sala massaggi, una palestra con sala ballo e uno studio di registrazione. 

    Vi sembra esagerato? È Hollywood, bellezza, la città che sposta il confine tra la finzione e la realtà sempre un po' più in là, anche dentro alle quattro mura di casa. Se siete interessati all'acquisto affrettatevi: alcune sono ancora in vendita. Per tutti gli altri, ecco a voi la galleria delle case da sogno.  

    Copyright foto: Casa.it
  • Ghost


    La casa di Ghost si trova nel quartiere di SoHo, a New York.


    Al 102 di Prince Street, in pieno SoHo, a New York, si trova la casa di Ghost, il film con Demi Moore e Patrick Swayze vincitore di due premi Oscar e incassi da record al botteghino. Messa in vendita lo scorso aprile a 10.5 milioni di dollari (poco meno di 10 milioni di euro), l’appartamento, circa 400 mq, è famoso per le sue finestre enormi e i soffitti altissimi. Al suo interno un grande ingresso, un salone, cucina, sala da pranzo, 3 camere con bagno privato, una sala tv e una palestra.

    Copyright foto: Kika Press
  • Il Silenzio degli Innocenti


    La casa de "Il Silenzio degli Innocenti" è in vendita a 300mila dollari.


    Una delle case più terrificanti del cinema è quella de Il Silenzio degli Innocenti, messa in vendita lo scorso agosto per 300mila dollari. Sappiatelo fin da subito: la cantina in cui Ted "Buffalo Bill" Levine teneva la sua vittima è stata ricostruita in studio quindi non aspettatevela. Per il resto, l'abitazione vittoriana, costruita nel 1910, mesa in vendita da una coppia di sessantenni, che proprio lì si sposarono nel 1977, è tale e quale il film cult del 1991. 

    Siamo nella contea di Fayette a un’ora da Pittsburgh (Pennsylvania) e la cucina e l’ingresso sono gli stessi in cui Clarice Starling/Jodie Foster affronta lo psicopatico. Il resto dell’abitazione vanta altre cinque stanze e una piscina ricavata da un vagone ferroviario. 

    Copyright foto: Kika Press
  • House of Cards


    La casa che fu degli Underwoods di House of Cards è in affitto a 7500 dollari al mese.


    Quando gli Underwood di House of Cards (Kevin Specey e Robin Wright) hanno traslocato alla Casa Bianca, la loro vecchia casa di Park Avenue, a Washington, è ritornata sul mercato: ancora disponibile, bastano 7500 dollari al mese per affittarla. 

    Recentemente ristrutturata, la town hall, è composta da cucina - arredata in stile shaker con elettrodomestici in acciaio inox e illuminazione industriale-, tre camere da letto, due bagni - quello padronale è interamente e finemente piastrellato con vasca con piedi vintage -, finestre con vetri antiproiettile e pavimenti in legno pregiato. Nel prezzo è compreso anche il vogatore nel seminterrato, perfettamente rifinito.

    Copyright foto: Kika Press
  • Colazione da Tiffany


    La casa che ospitò le riprese di Colazione da Tiffany è stata venduta a luglio 2015.


    La casa al civico 169 sulla 71/ma strada, nell’Upper East Side newyorkese che fu il set di Colazione da Tiffany, dove Holly Golightly (all’anagrafe Audrey Hepburn) trascorreva le sue serate romantiche e malinconiche bevendo whisky e cantando Moon River è stata venduta all’inizio di luglio per 7 milioni e 400 mila dollari.

    In tutto 3800 metri quadrati, con un grande salone, la cucina, quattro camere da letto e ben cinque bagni. Altro che il pied-à-terre dell’infelice Holly: accanto alla sua finestra si trova anche un grande giardino privato e un’altrettanto imponente veranda. 

    Copyright foto: Kika Press

  • Sex and the City


    L'appartamento di Carrie Bradshaw in "Sex and the city" vale circa 10 milioni di dollari.


    L’appartamento di Carrie Bradshaw/Sarah Jessica Parker è finito sul mercato parecchie volte negli ultimi anni a causa, dicono i bene informati, del continuo pellegrinaggio di curiosi e appassionati della saga di Sex and the City. Ubicato al numero 64 di Perry Street, a New York, la proprietà è una tipica e adorabile townhouse dai mattoni rossi di cui noi abbiamo sempre e solo visto una piccola parte. Quello della realtà, infatti, è suddiviso su 4 piani, ha cinque camere da letto padronali e la cabina armadio da sogno. Il suo valore è di poco inferiore ai 10 milioni di dollari. 

    Copyright foto: Kika Press
  • Scarface


    La villa dove Brian De Palma girò Scarface vale 35 milioni di dollari.


    Trentacinque milioni di dollari: tanti ne vale la sfarzosa villa di Tony Montana (Al Pacino), che in Scarface diventa il quartier generale dell’eccentrico protagonista. Pare che dopo averla vista nel film di Brian De Palma, il boss dei casalesi, Walter Schiavone abbia costruito la sua a Casal Di Principe a sua immagine e somiglianza.  

    Tropical Paradise (così si chiama la proprietà californiana, un nome un programma) si trova nei pressi di Santa Barbara e offre interni lussuosi e spaziosi, una stanza da pranzo con soffitto a botte e decorazioni a foglie d’oro (tra cui anche il trionfo bellico di Alessandro Magno a Persepolis) e la sontuosa sala conversazione con cupola bizantina alta 18 metri ornata con abbellimenti ispirati alla chiesa di San Giovanni in Laterano a Roma. All’esterno (10 ettari di terreno), un giardino munito di bassorilievi dell’artista Lee Lawrie, piscina e terrazze.

    Costruita nel 1906 su progetto di Bertram Goodhue, architetto americano celebre nel mondo per il suo stile neo-gotico doveva soddisfare i gusti di un miliardario newyorchese, tal James Waldron Gillespie, che desiderava vivere in una struttura che gli ricordasse gli edifici ammirati in giro per il mondo. Negli anni, prima di diventare il set del film, ospitò Charlie Chaplin, Winston Churchill, Albert Einstein, John Fitzgerald Kennedy e Thomas Mann.

    Copyright foto: Kika Press
  • American Horror Story


    Arlington Height, set di "American Horror Story" è stata venduta per 3,2 milioni di dollari.


    Sei camere da letto e cinque bagni, saloni in grado di ospitare fino a 250 persone, cucina, una sala biliardo, una palestra, uno studio di registrazione e finestre con vetri Tiffany: Arlington Height, la celebre dimora degli orrori, set della serie American Horror Story è stata venduta lo scorso marzo per 3,2 milioni di dollari, una cifra ben più bassa rispetto ai 17 chiesti in partenza. 

    Edificata nel 1908, in virtù del suo fascino sinistro è stata apprezzata da maestri della fotografia - da Helmut Newton a Mario Testino - e ha ospitato anche le riprese di alcune delle più celebri serie del brivido, da Buffy l’ammazzavampiri Dexter, passando per Six Feet Under, The Twilight Zone, The X-Files Angel.

    Copyright foto: Kika Press
  • Twin Peaks


    La casa in cui David Linch girò Twin Peaks è stata acquistata a settembre 2014.


    Nelle stanze di questa villa al 708 della 33esima strada di Everett, Washington, sono ambientate le puntate di Twin Peaks, la celebre serie degli anni Novanta firmata da David Lynch e Mark Frost che tornerà con nuovi episodi nel 2016. 

    La casa di Laura Palmer è stata venduta a settembre 2014 per 500mila dollari (appena 50mila in meno rispetto al prezzo richiesto) dopo essere rimasta a lungo sul mercato in cerca di inquilini. Tanto che gli appassionati avevano lanciato una raccolta fondi su Kickstarter per trasformarla "in un museo di Twin Peaks museum con eventi e la possibilità di ospitare anche un BnB”. A questo punto siamo tutti curiosi di sapere dove vivrà, nella nuova serie, una delle famiglie più seguite del piccolo schermo.

    Copyright foto: Kika Press
  • Via col vento


    Tara, la villa coloniale di Via Col Vento è al centro di un programma di recupero.


    Tara, la monumentale villa coloniale circondata dalle piantagioni cotone, fu costruita appositamente alla fine degli anni Trenta del secolo scorso per Via col Vento, a Culver City, in California. Abbandonata fino agli anni Cinquanta, fu venduta con l’obiettivo di farne un parco divertimenti ma il progetto non andò a buon fine e la villa fu utilizzata per una decina di anni come set di qualche film western. Poi finì nel dimenticatoio finché, nei primi anni 1980 l'ex First Lady della Georgia, Betty Talmadge, acquistò i resti della facciata di Tara e li ammucchiò in un fienile, nella fattoria della sua famiglia. 

    Dopo anni, grazie ad un accordo con i figli e i nipoti della donna, Peter Bonner, uno studioso di Jonesboro, ha avuto il permesso di restaurare la facciata di Tara e riportarla agli antichi splendori. Stay tuned.

    Copyright foto: Kika Press

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.