Colori caldi e colori freddi: quali sono e combinazioni

Giulia Vola
Quali sono i colori caldi e quali quelli freddi? Come si abbiano tra loro?  Ecco come sceglierli in casa dove i significati sono spesso inversi.
 
Il contrasto tra i colori caldi e quelli freddi dà vita a home decor chic e ricercati.


Colori caldi e freddi: facciamo chiarezza

I colori freddi? Il verde e blu, l'indaco e violetto. I colori caldi? Il rosso, l'arancione e il giallo. Fatta questa premessa di partenza, va detto che, a proposito di arredamento, non si traducono, rispettivamente, in home living accoglienti o, al contrario, glaciali. Tanto per fare qualche esempio, le combinazioni tra i colori freddi e un arredamento in legno creano atmosfere estremamente raccolte e chic, così come pareti colorate di bianco o di azzurro si riscaldano, per contrasto, con arredi dalle nuance calde.


Colori per pareti: home living ad hoc

In generale, se i colori freddi vestono più facilmente la zona notte e l'home office, ovvero nelle aree della casa dove è importante suggerire riposo e concentrazione, i colori freddi sono più indicati per la zona living: il soggiorno, la sala da pranzo e la cucina dove, invece, è importante privilegiare la luminosità. L’importante, prima di scegliere il colore delle pareti, è considerare non solo il gusto personale ma anche la luce naturale delle stanze, il tipo di pavimento e l’arredamento. In generale, come sempre quando si tratta di pareti colorate tingere una porzione di muro o solo il soffitto (attenzione con i colori scuri) amplifica i volumi con risultati grandiosi.


Colori caldi: accendi la zona giorno!

Dal rosso acceso al marrone scuro passando per l’arancione, il giallo e il rosa, le sfumature calde sono lo sposo perfetto dell'arredamento in legno, in grado di creare ambienti in stile provenzale, shabby o bohémien a seconda dei gusti. In particolare: se l’arancione dà un tono glam, il rosa salmone un effetto più raffinato e i marroni (e in generale le tinte nude) sono una base neutra, le cromie che vanno dal camel, al beige (tortora compreso, che ha il ruolo del jolly), fino al caramello sono molto chic anche in camera da letto.

A proposito di colori caldi più luminosi, il giallo amplifica la luce (ma è difficile da scegliere), mentre il rosso, il re dei colori caldi, dal sapore country  chic ed echi inglesi, perché risalti va contrastato sottolineando i dettagli che vanno lasciati bianchi: porzioni di muro, infissi e porte, soffitti.


Colori freddi: combinazioni chic e rilassanti

Prima le mezze misure: il malva, anzitutto, la tonalità a metà strada tra il lilla e il lavanda, celebrato anche da Re Giorgio (Armani) come "un tono idilliaco e dolce", che veste gli ambienti di una delicata eleganza, dagli echi provenzali e shabby chic. A stretto girò c'è l'indaco, la nuance che conferisce energia agli ambienti, tinta per arredamenti shabby, in stile provenzale e per la cameretta dei bambini. Viceversa, il blu di Prussia è la tonalità dalla personalità decisa per creare atmosfere eleganti, dal sapore un po' vintage e bohémien. Il blu acciaio, invece, veste la cucina dove l'abbinamento con l’alluminio dà all'atmosfera un tocco di eleganza e professionalità. L'azzurro, invece, è il colore della spiritualità ideale per conciliare il riposo del corpo e della mente: ecco perché è perfetto per la camera da letto. Le sfumature del verde - da quello oliva a quello salvia passando per il lime - vanno a braccetto con pavimenti in parquet scuro e arredi chiari: il risultato sono ambienti dal sapore un po' industrial. Infine, gli abbinamenti tra il verde e il blu scelti nelle sfumature più brillanti, capaci di regalare contrasti cromatici più unici che rari, come solo i colori complementari sanno creare.

 


Leggi anche: Colore Pantone 2018: le palette più trendy per gli arredi ad hoc

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.