La farina bianca fa male? L'esperta risponde

Cristina Piotti
La farina bianca fa male, viene sbiancata o va sostituita con quella integrale. Sul tema in rete si rincorrono pareri molto discordanti. La dietista Ambra Ciliberto ci racconta perché.

La farina bianca, quando è troppo lavorata, è impoverita delle sue proprietà nutrienti.


La farina bianca? Fa male, è veleno, va evitata. In rete si rincorrono dubbi e certezze, ma per la verità sono poche le opinioni autorevoli, di medici ed esperti del settore. Importante invece capire di cosa parliamo, come viene lavorato questo alimento e in quali casi è veramente nocivo, come spiega Ambra Ciliberto, dietista presso l'Istituto Nazionale per la Chirurgia dell'obesità di Milano. 

La farina bianca fa male, o no?

Rispondere alla domanda non è semplicissimo. Sicuramente un consumo eccessivo di tutti i prodotti raffinati non è salutare. La farina bianca si ottiene dalla raffinazione del chicco di grano, eliminando sia germe che crusca. Più una farina è lavorata (o “abburattata”, cioè la quantità di farina ottenuta da 100 kg di grano) e più è raffinata, impoverita: infatti esistono, in base appunto al grado di abburattamento, diversi tipi di farine, a partire da quella integrale fino a quella 00. 

Quali sono le sue proprietà?

Si tratta di una farina, appunto, priva di nutrienti. Inoltre ha un alto indice glicemico e quindi causa un maggiore incremento della glicemia. Infine, è ricca di glutine e a livello intestinale potrebbe alterare l’equilibrio della flora batterica.

Ma quindi, è nociva?

Un consumo moderato di prodotti contenenti farine raffinate non può definirsi nocivo: sicuramente è meglio preferire farine integrali o di altri cereali e limitare il consumo di quella bianca. La manitoba ha lo stesso effetto di quella bianca, differisce solo da un certo livello di “forza” e si usa per gli impasti a lunga fermentazione e conferisce maggiore sofficità.

La dicitura "integrale" è sempre vera?

Per distinguere un alimento integrale deve essere presente la dicitura integrale, anche se purtroppo talvolta viene definito come integrale un alimento che è costituito solo in parte da crusca e in parte da farina raffinata. I prodotti che indicano, per esempio, le diciture macinato a pietra o con crusca non è detto che siano prodotti integrali.

Alternative alla farina 00?

Si possono usare tutte le farine derivate anche dagli altri cereali: grano saraceno, kamut e quinoa.

Copyright foto: Fotolia

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.