Rosacea: sintomi e rimedi

Fai una domanda
La rosacea (chiamata anche copparosa, couperose) è una dermatosi cronica che può colpire il volto e che si manifesta con rossori localizzati di natura benigna, a volte fastidiosi.



Cos’è la couperose

La rosacea è un’affezione che caratterizzata da eruzioni cutanee di colore rosso che possono diventare permanenti ed essere accompagnate dalla dilatazione dei vasi sanguigni sulle guance e sul naso o da puntini rossi.

Sintomi rosacea

I sintomi della couperose sono rossori sul viso, pelle secca, sensibile, accompagnata da una sensazione di bruciore, che aumenta a causa di stati emotivi forti o a seguito del cambiamento della temperatura. Papule o pustole sul naso, guance, fronte e mento e secchezza degli occhi, occhi rossi e irritati.

Viso arrossato: cause

Le cause della rosacea sono per di più sconosciute. Recenti studi hanno dimostrato che può essere causata da: iperreattività dei vasi sanguigni, malattia del sistema immunitario che interessano la pelle, una iperreattività alla luce del sole.

Chi è colpito dalla rosacea?

La couperose colpisce in prevalenza adulti dai 30 ai 50 con pelle chiara che tendono ad arrossire facilmente; le donne sono colpite due volte in più degli uomini. Le persone i cui genitori sono affetti da rosacea hanno più probabilità di contrarla.

Fattori di rischio

Si annoverano tra i fattori di rischio della couperose l'esposizione prolungata alla luce solare, la variazione di temperatura, consumo di bevande calde, speziate, alcool e cause ormonali come gravidanza o menopausa, a causa di forti emozioni come stress e rabbia o durante l’assunzione di corticosteroidi.

Prevenzione

Onde evitare la manifestazione di questa dermatosi è necessario evitare alcune abitudini dannose, tra cui l’esposizione al sole tra le 11 e le 16h, senza l’applicazione di una crema protettiva solare elevata. Anche alcuni alimenti contribuiscono alla dilatazione dei vasi e alla sua manifestazione: caffè, bevande calde, alcool e spezie. Se ne si soffre, meglio evitarle. Allo stesso modo anche stagioni fredde, vento, neve, possono rappresentare dei fattori scatenanti, è preferibile dunque proteggersi con degl’indumenti caldi. Allo stesso modo anche stress e emozioni forti possono essere fonte di rosacea. Da evitare anche saune e bagni caldi prolungati.

Trattamenti per il viso

Evitare di lavarsi con acqua troppo calda (preferire quella più tiepida) e con prodotti contententi alcool o componenti acidi (in caso di dubbio rivolgersi al proprio farmacista, prima dell’acquisto). Applicare creme per pelli inclini a manifestazioni di rosacea.

Rimedi per la couperose

A livello di farmaci, per la rosacea possono essere prescritte creme a base di metronidazolo e clindaminacina. In caso d’infiammazioni gravi, magari estese agli occhi, il medico può anche prescrivere antibiotici per via orale (minociclina tetraciclina). Allo stesso modo vengono prescritte creme o gel da applicare localmente, a base di acido azelaico, che aiuta a ridurre il numero delle pustole e il rossore. Per le forme più gravi, rosacea phymatous e papule, pustole e noduli resistenti, viene prescritta anche l'isotretinoina orale.

Chirurgia

I trattamenti chirurgici per la rosacea sono raccomandati per diminuire la manifestazione dei piccoli trattini rossi causati dall’efflusso dei vasi sanguigni. Tra i trattamenti l’elettrocoagulazione, che necessita di più sedute e può portare a sanguinamento, arrossamento e formazione di croste; la chirurgia laser, meno dolorosa della precedente ma che causa lividi o arrossamenti passeggeri. Infine, la dermoabrasione, una tecnica che usa uno strato superficiale dell’epidermide passando una piccola spazzola rotante.
Nota Bene: In caso di gravidanza la rosacea non necessita di cure poiché scompare nel giro di qualche settimana o dopo il parto. Nel bambino e nel neonato, in linea di principio, essa scompare gradualmente man mano che la pelle s’ispessisce.

Foto: © LADO - Shuttertock.com