Disturbo bipolare: sintomi, cause e cura

Fai una domanda
Un disturbo bipolare (o bipolarismo) è una patologia frequente le cui conseguenze possono essere invalidanti. Nella maggior parte dei casi la diagnosi di malattia è fatta tardivamente.


Definizione

Il bipolarismo si manifesta con un disturbo cronico dell’umore con un’alternanza di fasi euforiche, in alcuni casi deliranti, e fasi di depressione. Si tratta di una malattia psichiatrica caratterizzata da importanti cambiamenti di umore che, se portati all’estremo, possono produrre deliri, allucinazioni e, addirittura un comportamento pericoloso per la sicurezza del soggetto. L’Organizzazione Mondiale della Sanità situa i disturbi bipolari tra le 10 malattie più invalidanti.

Depressione bipolare

I disturbi dell’umore sono frequentemente rappresentati in due poli distinti: da un lato troviamo la mania, con un’iperattività fisica e psichica e dall’altro la depressione e la malinconia. Il termine bipolarismo deriva da questi due aspetti. Una depressione bipolare può rivestire due forme: uno stato depressivo solo in una patologia bipolare o uno stato depressivo associato a dei segni di mania, portando ad una depressione mista.

Disturbo bipolare tipo 1

Nel disturbo bipolare di tipo 1 per la diagnosi è sufficiente un singolo episodio maniacale. Spesso ci sono tracce di altri episodi depressivi o ipomaniacali.

Disturbo bipolare tipo 2

In caso di disturbo bipolare di tipo 2 si ha la presenza nel presente o passato di un episodio ipomaniacale e di un episodio depressivo.

Sintomi

I sintomi del disturbo bipolare sono quelli della depressione e dell’episodio maniacale, che si presentano spesso in maniera intermittente. I sintomi della fase depressiva sono una profonda tristezza e disperazione che si traducono in svogliatezza, perdita di slancio vitale e un rallentamento fisico e motorio. Nei pazienti si osserva una perdita di motivazione, pessimismo, colpevolezza o disprezzo che possono portare anche a tentare il suicidio. Quelli di una fase maniaca, invece, sono euforia ed iperattività che portano il soggetto a non fermarsi mai, a far prova di un ottimismo estremo e di un sentimento di potenza che si traduce in un’accelerazione di ogni comportamento fisico e psichico.

L’alternanza della fasi

I disturbi bipolari, che cominciano tra i 15 e i 25 anni, si manifestano con disturbi dell’umore con un’alternanza di fasi euforiche (o maniacale) e depressive. Per fase ipomaniacale e maniacale si intende una forma di eccessivo eccitamento e disinibizione, con comportamenti socialmente inappropriati, in uno stato di grande energia. In altri casi, la fase maniacale presenta stati di irritabilità e senso di ingiustizia. Al contrario la fase depressiva è dolorosa, con perdita del sonno e dell’appetito.

Cause e diagnosi

Non esiste una causa unica del disturbo bipolare, ma si ipotizza che una serie di fattori biologici e genetici contribuiscano al suo sviluppo.
La diagnosi di disturbo bipolare viene effettuata grazie alla ricerca da parte del medico dell’alternanza della fasi sopra citate. Si tratterà di prendere in conto anche gli antecedenti familiari e l’ambiente in cui il paziente cresce. Interrogare la famiglia e chi sta vicino al soggetto è molto importante perché spesso il paziente non è cosciente del suo disturbo. La diagnosi è spesso difficile da realizzare e possono volerci anni prima di riuscire a trovare un trattamento adatto alla situazione.

Trattamento

Tra le diverse strategie terapeutiche possibili la terapia cognitiva sempre essere una delle più adatte. Il terapeuta cercherà prima di tutto di identificare i pensieri che si celano all’origine delle disfunzioni comportamentali che saranno costatate nei periodi maniaci e depressivi. Si fornirà così una chiave di lettura dei principi che guidano il comportamento del paziente. In seguito vengono elaborare delle strategie in modo da capire quali sono i modelli che vengono messi in atto nelle diverse fasi in modo da far capire al paziente lo schema che viene ripetuto in caso di mania o depressione.

Per quanto riguarda il trattamento farmacologico (prescritto dallo psichiatra) si tratterà di una cura prescritta su un lungo periodo. Le molecole più utilizzate sono i sali di litio e degli antiepiliettici. La psicoterapia accompagnerà il trattamento medico per gestire i sintomi ed educare il soggetto alla sua malattia.

Prevenzione

I disturbi bipolari non posso essere prevenuti. Tuttavia è possibile limitare gli episodi acuti adottando una vita sana, con orari regolari, evitando lo stress e l’abuso di sostanze tossiche come alcol, cannabis e droghe pesanti.

Foto: © lightwise - 123RF