Piastrinopenia - Definizione

Fai una domanda

Definizione

La piastrinopenia corrisponde ad una quantità anormalmente bassa di piastrine nel sangue. Le piastrine sono delle componenti sanguigne che giocano un ruolo nella coagulazione, partecipando nell’emostasi primaria e permettendo la formazione di un trombo o grumo che impedisce il sanguinamento. Il numero di piastrine normalmente oscilla tra 150.000 e 450.000 per millimetro cubo di sangue. Al di sotto di 150.000, si parla di piastrinopenia e il rischio maggiore che ne deriva sono le emorragie, che normalmente accadono solo quando il tasso di piastrine è molto basso, cioè inferiore a 50.000.

Cause

La piastrinopenia può avere cause sconosciute ed è dovuta ad un’anomalia che occorre nello loro luogo di produzione, il midollo osseo: in tal caso si parla di piastrinopenia centrale. Oppure è dovuta ad una malattia che ne causa un’eccessiva distruzione.