Preservativo femminile: come si mette e che cos'è

Fai una domanda
Il preservativo femminile, è uno strumento di prevenzione dell'HIV e di altre malattie sessualmente trasmissibili, che può essere utilizzato dalle donne.


Definizione

Il preservativo femminile è una guaina trasparente, morbida e in grado di essere inserita nella vagina prima di un rapporto, formando una barriera in grado di proteggere sia dal rischio di una gravidanza indesiderata sia da malattie a trasmissione sessuale.

Com'è fatto

È formato da due anelli. Il primo, interno, scivola dietro l’osso pubico e aiuta a mantenere fermo il dispositivo. Quello esterno, più grande e morbido, resta all’esterno della vagina durante il rapporto, coprendo la vulva. Nel mezzo, c’è una guaina resistente che protegge vagina e cervice. È lungo come il preservativo maschile, ma più largo, e secondo l’azienda produttrice l’anello esterno agisce anche stimolando il clitoride, durante il rapporto.

Come si mette il preservativo femminile

Si può mettere anche alcune ore >prima del rapporto sessuale, si usa una sola volta e poi va buttato, ma non va rimosso per forza subito dopo il rapporto, la cosa importante è, nell’estrarlo, tenere stretto l’anello esterno e girarlo su se stesso per evitare la fuoriuscita dello sperma. Togliendo l’anello interno, si può usare anche per rapporti anali.

Vantaggi e svantaggi

I vantaggi del preservativo femminile sono legati alla possibilità della donna di gestire in autonomia sia la protezione da gravidanze indesiderate sia una barriera contro eventuali malattie veneree, ma anche all’inserimento anticipato ad ore prima del rapporto (diversamente dal condom maschile). Infine non richiede prescrizione medica e può essere utilizzato durante il ciclo mestruale.

Gli svantaggi, oltre al più difficile modo di reperimento in Italia, sono legati all’introduzione, alla estrema visibilità del dispositivo (che copre anche i genitali esterni della donna), che per qualcuno può costituire un motivo di minor libido, e infine un certo fastidio provocato dal lubrificante oleoso di cui è rivestito.

Foto: © serezniy - 123RF