Come fare il contouring: non c'è trucco non c'è inganno!

Nina Segatori

Grazie al contouring, giocando col chiaro-scuro, si nascondono i difetti e si mettono in risalto i pregi del viso. Questa tecnica non è semplice, ma vi spieghiamo noi cosa serve per il contouring e come farlo.

Il contouring è una tecnica beauty che utilizza un gioco di luci e ombre per valorizzare i pregi e nascondere i difetti del viso. © Anastasia Kazakova /123RF

 

Il contouring non è più un tabù appannaggio dei soli make-up artist. La tecnica beauty che dipinge il viso come una tela, giocando con correttori e fondotinta chiari e scuri, è ormai alla portata di tutti, anche delle meno esperte. Da anni sul volto delle star top influencers come Beyoncé e Kim Kardashian, è un make-up non troppo semplice. Se ben fatto, però, può dare grandi soddisfazioni. Da tempo, infatti, sui social, impazzano foto di contouring prima e dopo, mostrando trasformazioni straordinarie.
Perché, quindi, non provare? Ecco quindi strumenti e regole per un contouting perfetto. 
 
 

Cosa serve per il contouring

Innanzitutto bisogna munirsi degli strumenti giusti

Primer: è la base che rende ogni tipo di make-up levigato e duraturo

Fondotinta: per realizzare il contouring ne servono tre. Quello che si usa di solito, uno di due tonalità più chiare per creare i punti luce ed un ultimo più scuro per realizzare le ombre.

Fard e correttore: sono una valida alternativa ai fondotinta di tonalità diverse. L'importante è sceglierli seguendo le stesse regole e senza esagerare con i contrasti di colore.

Pennello: per sfumare l'ideale è un pennello di medio-piccola grandezza con setole morbide. ma anche quello da fondotinta va bene.
Blush: utile per dare un tocco finale al make up e rendere il finish glamour e curato.
Illuminante: il segreto per dare luminosità ai punti luce creati con correttore e fondotinta.
 
Una volta schierata sul piano lavoro tutta l'attrezzatura e deterso il viso, si può procedere a realizzare il contouring.
 

Contouring: come si fa?

Sulla pelle ben asciutta passare un velo di primer, in modo da creare una base levigata ed uniforme. Dopodiché si procede con la solita routine, spalmando sul viso il fondotinta della stessa tonalità della carnagione. Questo primo passaggio è molto importante per assicurare la riuscita finale del trucco. 
 

Creare i punti luce

Per creare i punti luce si utilizza il fondotinta di due tonalità più chiare rispetto alla nostra pelle. Ma quali sono i punti da illuminare? Il segreto è quello di trattare le zone che di solito sono più esposte al sole. Per capire quali sono basta puntare una luce dall'alto in direzione del viso e vedere quali parti sono completamente illuminate. In linea di massima le zone in questione sono sei: l'arcata superiore delle sopracciglia, il centro della fronte, tutta la lunghezza del naso, la punta del mento, gli zigomi e la parte che unisce naso e bocca.


Realizzare le zone d'ombra

Una volta illuminati i punti più esposti del volto si deve procedere alla creazione di zone d'ombra, scurendo le parti più nascoste, per nascondere i difetti. Facendo attenzione a non sporcare i punti luce appena realizzati, si devono scurire 5 zone, nello specifico: i lati della fronte (all'attaccatura dei capelli), i lati del naso (dove parte l'angolo tra il ponte e la curva), la parte delle guance appena sotto gli zigomi, lattaccatura dei capelli e lungo tutta la lunghezza della mandibola (dalle orecchie al mento).

 

Il tocco finale

Una volta create luci ed ombre la "trasformazione" dovrebbe essere ben visibile: naso più piccolo, zigomi più alti, mento più fino e lineamenti meno marcati e più dolci. Per dare ancora più risalto al contouring, l'ideale è ritoccare il lavoro appena fatto con un filo di illuminante sulle parti luminose e una spennellata di terra - rigorosamente senza glitter - sulle zone d'ombra. Una passata di blush - pesca o ciliegia - completerà l'opera regalando un finish perfetto.
 
Piccoli segreti: non utilizzare prodotti brillantinosi o perlati, il trucco in questo caso è rigorosamente mat. Inoltre, è molto importante la consistenza: se si utilizza un fondotinta in polvere anche il correttore, l'illuminante ed il blush dovranno esserlo. Stesso discorso vale per le creme
Et voilà, tecnica nuova, viso nuovo. E voi ci siete riuscite?
 
Potrebbe interessarti anche:
 
 

Annunci Google

Nessun commento per il momento.