Sognare la morte di un parente: rapporti in vita e oltre la vita

Grazia Fontana

Cosa significa sognare parenti morti? Che si tratti di un figlio, del padre, della madre, di un fratello, dei nonni o degli zii, la morte nei sogni può assumere diversi significati. Ecco quali sono.
 

Sognare i parenti morti può avere diversi significati a seconda che si tratti di genitori, suoceri, nonni, zii o fratelli. © kzenon / 123RF


Sognare parenti morti

Al di là del fatto che la morte nei sogni è sempre da considerare metafora di qualcosa, la morte di un parente può avere differenti significati: un grande timore di perderlo o il desiderio che si allontani da noi e quindi di non vederlo più o ancora un’evoluzione del rapporto con lui/lei o della sua stessa vita. Oltre a tutto ciò, è importante ricordare che ogni parte o immagine di un sogno rappresenta una parte di noi stessi e, in questo caso, il parente morto potrebbe simbolizzare la morte di alcuni aspetti della nostra personalità che quella persona rappresenta.

Sono sogni spesso legati ad eventi di vita realmente accaduti, a qualcosa che è rimasto in sospeso con i parenti, morti o vivi, e che non siamo riusciti a metabolizzare; in questo caso, data la funzione di pacificazione e risoluzione dei conflitti che spesso i sogni hanno, dovremmo prestare molta attenzione alle informazioni che il sogno ci fornisce. Altre volte vengono interpretati come sogni di preveggenza, in questo caso i parenti hanno la funzione di metterci in guardia su qualcosa o qualcuno che può arrecarci danno.

Numero della smorfia: 55


Sognare un figlio morto

Sognare un figlio morto è un tipo di sogno comune per chi è genitore, in grado di turbare e sconvolgere tanto da far sorgere il dubbio che possa davvero accadere. Tuttavia, non bisogna dimenticare che spesso la morte nei sogni ha un significato metaforico e non previsionale, motivo per cui diventa importante decifrarne il significato piuttosto che prendere alla lettera l’immagine onirica. In genere, questo sogno esprime paura o preoccupazione per il proprio figlio, capita infatti di sognarlo in situazioni difficili proprio per il timore di non poterlo proteggere e aiutare sempre e comunque; in altri casi, può essere espressione della paura che possa morire e lasciarci soli o anche allontanarsi fisicamente. In ultimo, i nostri figli spesso sono portatori di nostre personali caratteristiche che non amiamo più, motivo per cui la morte rappresenterebbe, in questo caso, un agognato cambiamento in noi stessi.

Numero della smorfia: 5


Sognare i genitori morti

I genitori, in sogno, sono simbolo di autorità, di guida e protezione, sognarli è sempre un segno positivo, a prescindere dalle circostanze. Sognarli morti è indice di volontà di emancipazione dell’individuo dalla condizione di figlio, volontà spesso frenata dal timore o dalla impossibilità, emotiva o materiale, di poterlo realizzare.

Numero della smorfia: 42


Sognare la morte del padre

Il padre rappresenta un ideale a cui far riferimento, un modello da seguire e su cui modellare le proprie aspirazioni o al contrario un esempio a cui ribellarsi e da cui affrancarsi; nei sogni, vederlo morto indica trascenderlo, è una soppressione simbolica del padre “esteriore” per consentire la nascita di quello “interiore” e della consapevolezza dell’uomo adulto, conscio del proprio valore e della propria capacità genitoriale.

Numero della smorfia: 89


Sognare la mamma morta

La simbologia della madre è legata a valori quali l’accoglienza, l’abnegazione, il senso di sacrificio, il calore, la tolleranza. Come per il padre, sognare la propria mamma morta indica l’esigenza di affrancarsi dalla madre “interiore”, che corrisponde all’istinto di “fare” per tutti sempre e comunque, per cominciare a preoccuparsi di se stessi e delle proprie necessità, superando gli atteggiamenti troppo materni e fagocitanti in modo da sviluppare un “sano” egoismo.

Numero della smorfia: 47


Sognare un fratello morto

La morte nei sogni ci parla spesso di situazioni ormai obsolete che andrebbero eliminate definitivamente dalla nostra vita. In quanto il fratello nei sogni rappresenta spesso una proiezione di noi stessi, sognarlo morto può riferirsi ad una parte di noi stessi che dovremmo lasciar andare; secondo Freud invece, potrebbe trattarsi di un desiderio inconscio che nel passato abbiamo celato in noi e che ha preso forma in un sogno.

Numero della smorfia: 44


Sognare i nonni morti

Sognare il nonno o la nonna morti può essere un sogno molto legato agli aspetti più concreti del nostro rapporto con la suddetta figura, sognare un nonno defunto infatti evidenzia la nostra reazione di fronte alla sua morte, reale o eventuale; in questo caso può indicare la nostra difficoltà ad accettarne la dipartita e sognarlo è un modo per assimilare l’evento luttuoso.

Numero della smorfia: 70


Sognare uno zio morto

L’immagine dello zio, nei sogni, riporta indietro al passato della vita familiare, ad un tempo ormai trascorso e per questo spesso foriera di rimpianti e malinconie; sognare lo zio defunto potrebbe riflettere il semplice desiderio di averlo ancora in vita. Lo zio, nei sogni, potrebbe anche suscitare ricordi negativi e in questo caso, il sogno ci aiuta a superare antichi stati d’animo da elaborare.

Numero della smorfia: 52


Sognare la zia morta

La zia è un’immagine femminile che spesso viene assimilata a quella materna e che spesso, nella vita reale, ne fa le veci; sognarla può riflettere il desiderio di riaverla accanto ma anche, se invece è ancora vivente, il timore dell’eventuale distacco che la morte genererebbe.

Numero della smorfia: 11


Suonare i suoceri morti

Il suocero, come la suocera, nella realtà riporta al rispetto per la famiglia, le tradizioni e le ricorrenze familiari; sognare i suoceri sottintende antagonismi e rivalità sostenute, conflitti intergenerazionali e relazioni familiari poco piacevoli. La morte, tuttavia, ha sempre un fine trasformativo e, in questo caso, potrebbe significare il desiderio di porre fine ad eventuali contrasti familiari.

Numero della smorfia: 23

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.