Bambino a 18 mesi

La redazione
Con il bimbo a 18 mesi potrete iniziare a fare qualche prova con il vasino per togliere a poco a poco il pannolino.

A partire dai 18 mesi la crescita del bambino non è più veloce come in precedenza.


Sviluppo del bambino a 18 mesi

Un bimbo di 18 mesi è molto curioso e s'intrufola dappertutto. Sa perfettamente quello che vuole e niente può fermarlo, tanto che, quando non raggiunge il suo obiettivo, va su tutte le furie; cercate di non prestargli troppa attenzione quando è arrabbiato per non incoraggiarlo ancora di più ad attirare l'attenzione su di sé. 
Il bambino è molto più autonomo da quando cammina, ma ovviamente ha ancora bisogno dei genitori; accade spesso che interrompa le proprie attività per assicurarsi della loro presenza, perché sente la necessità di essere rassicurato. La sicurezza emotiva viene acquisita grazie all'attenzione e all'affetto dei genitori, ma anche grazie ai limiti e al ritmo regolare che saprete imporgli. Il piccolo trova rassicurante mangiare, lavarsi e andare a dormire sempre alla stessa ora. L'ora della nanna, ad esempio, è un momento importante in cui bisogna fare le cose con calma stabilendo dei rituali, come raccontare una favola per bambini, fargli qualche coccola e dargli il bacio della buona notte.
Poco a poco, il bambino impara sempre più parole e inizia a comporre delle frasi. È importante parlargli correttamente perché l'apprendimento del linguaggio è il risultato di un processo di imitazione. 
L'abbandono del pannolino è un'altra conquista essenziale; in questo mese, infatti, è possibile iniziare a prepararlo a questo passo perché è più pronto a capire ciò che gli viene chiesto. Mettete un vasino a sua disposizione (in bagno, non in salotto), e fatelo sedere all'ora in cui fa abitualmente i suoi bisogni; ma se si rifiuta di andare sul vasino, non forzatelo e aspettate qualche settimana per fare un nuovo tentativo (entro i 2 anni e mezzo dovrebbe riuscirci definitivamente).
Il disegno fa parte delle attività preferite dei bambini di questa età. Procurategli matite e pennarelli e realizzerà, con immenso piacere, dei veri e propri capolavori; oppure dategli un po’ d’acqua e sabbia e diventerà un vero architetto dei castelli! 
A partire dai 18 mesi la crescita del bambino inizia a rallentare; a partire da questo periodo fino al secondo anno di vita il piccolo potrebbe aumentare semplicemente di un chilo, mentre dalla nascita sino ai 18 mesi l’aumento era stato di una decina di chili circa. Questo arresto della crescita è dunque una cosa normalissima e non deve allarmare.

Alimentazione dei bambini a 18 mesi

A 18 mesi sarebbe ideale dare ad ogni pasto una piccola porzione di carboidrati (pasta, pane, patate, riso, mais, farro, orzo...) ed una di proteine, alternando pesce e legumi, fino a 3-4 volte a settimana, e formaggi, carne, uova, prosciutto crudo o cotto o bresaola per un massimo di 1 o 2 volte a settimana. Utilizzate sempre poco sale e condite con un po’ di olio extra vergine di oliva.

La salute del bimbo a 18 mesi

Ricordatevi che entro questo mese deve essere effettuato il quarto richiamo di DtaP, il vaccino che protegge contro la difterite, il tetano e la poliomielite.

Potrebbe interessarti anche: La crescita del bambino mese per mese

Copyright foto: melpomen /123RF

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.