Bambino a 14 mesi

La redazione
Il bimbo a 14 mesi è sempre più autonomo, ma ha ancora bisogno dei suoi genitori.

A 14 mesi il bambino cresce in autonomia, ma continua a diffidare da chi non conosce.


Sviluppo del bimbo a 14 mesi

Da quando cammina, il bebè continua a scoprire il mondo. Nonostante ciò, ha sempre bisogno di sentire la presenza dei genitori accanto a sé ed è molto diffidente nei confronti degli sconosciuti, anche se è consapevole che quando lo lasciate a qualcuno, tornerete a prenderlo qualche ora dopo. Se le separazioni lo preoccupano molto, bisogna continuare a rassicurarlo spiegandogli dove andate e quando tornerete.
In questo nuovo universo, il bimbo scopre una moltitudine di oggetti. Quando uno di questi cattura la sua attenzione, l'osserva da cima a fondo, scoprendolo non più attraverso la bocca, ma attraverso il tatto, la vista, l'udito e l'olfatto. Sino ai 3 anni state sempre molto attenti ai piccoli oggetti. 
I progressi linguistici sono lenti: per facilitare il suo apprendimento, dite il nome degli oggetti che lo circondano, cercate di insegnargli delle parole semplici e incoraggiatelo a ripeterle. 
Ai bambini di quest'età piace giocare con gli oggetti che si incastrano gli uni negli altri, come i cubi, ma è il momento di proporgli anche dei libri con le immagini di animali, magari che emettono suoni.

Bimbo a 14 mesi, cosa mangia?

In questo periodo è importante che il bambino mangi in modo vario, prediligendo i cibi facilmente digeribili. Se il bambino non vuole mangiare, provate a mettere nel vostro piatto la sua stessa pietanza, per incoraggiarlo a fare come voi. Via libera a pasta di piccole dimensioni, riso, verdure e frutta; per lo spuntino anche un semplice yogurt va bene.

La salute del bambino a 14 mesi

Tra il dodicesimo e il quindicesimo mese deve essere effettuato il vaccino MPR che protegge contro morbillo, parotite e rosolia.

Potrebbe interessarti anche: La crescita del bambino mese per mese

Copyright foto: Oksana Kuzmina /123RF 

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.