Terzo mese di gravidanza

Grazia Fontana
Il 3° mese di gravidanza è un mese di forti emozioni; la pancia si espande e, soprattutto, sentite il  bambino per la prima volta. 

Al terzo mese di gravidanza si parla di feto e non più di embrione.


Gravidanza, terzo mese per la mamma

Il terzo mese corrisponde alla fine delle 9 settimane di gravidanza. La vostra silhouette di futura madre si definisce davvero in questo mese: ad esempio la pelle attorno al seno potrebbe scurirsi un po’ e alcune donne potrebbero riscontrare una linea tra il pube e l'ombelico. L'utero assume la dimensione di un pompelmo da qui alla fine del 3° mese di gravidanza, costituita dalla tredicesima settimana. La buona notizia è che soffrirete meno per la nausea e la stanchezza perché il corpo si inizia ad abituare al cambiamento. 

Feto a 3 mesi

A questo stadio, non si parla più di embrione ma di feto. Il futuro bimbo continua a crescere: in un mese, passa dai 5 ai 50 grammi e da 40 mm a 11 cm. Il suo scheletro si fa più preciso, i suoi organi lavorano e comincia a
muoversi anche se non lo sentite ancora. Anche il suo viso prende forma e ogni elemento è ormai presente: orecchie, occhi, naso, bocca, mento. La testa è arrotondata, le palpebre coprono gli occhi, le labbra si delineano e le narici si aprono. La sua identità si afferma perché ora possiede le sue impronte digitali e il suo sesso potrebbe già essere riconoscibile. Il piccolo sente anche tutte le mani che si poggiano sulla vostra pancia e si nutre dal liquido amniotico, il cui gusto varia a seconda  della vostra dieta.
 

3° mese di gravidanza: tempo di...

Fare la prima ecografia: è tra la nona e l’undicesima settimana che avviene il primo incontro col vostro bambino: vedrete la sua testa, il suo profilo, la sua pancia, ed è anche possibile ascoltare il suo battito cardiaco! Con un po' di fortuna, l’ecografia potrebbe mostrare se aspettate una bambina o un bambino; di solito però si aspetta fino alla seconda ecografia per esserne sicuri. Durante questo esame, verrà misurata la lunghezza cranio-caudale del bambino (distanza tra la sommità della testa e l’osso sacro) per datare con qualche giorno di approssimazione l'inizio della gravidanza. Questa è anche l'occasione per verificare la translucenza nucale, che identifica i feti che potrebbero essere a rischio di sindrome di Down. 
 
Cambiare il guardaroba: la vostra silhouette si arrotonda a poco a poco. Cogliete l’occasione per andare a fare shopping nei negozi specializzati! Avrete bisogno di arricchire i vostri armadi per i cinque mesi a venire.
 
Avvisare il proprio datore di lavoro: la soluzione migliore e più semplice è di chiedere un incontro per comunicare con un sorriso che state per diventare mamma. Non c'è bisogno di entrare in considerazioni personali. Fate tutte le domande che vi preoccupano e organizzate fin da subito lo svolgersi degli eventi in modo che la vostra sostituzione avvenga serenamente.
 
Scegliere la clinica: per partorire nella struttura che meglio soddisfa le vostre esigenze è necessario prenotarsi fin d’ora. 

Potrebbe interessarti anche: Tutti i mesi e le settimane di gravidanza

Copyright foto: Vadim Guzhva /123RF

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.