34 settimane di gravidanza

Grazia Fontana
Alla trentaquattresima settimana di gravidanza siamo a metà del terzo trimestre e il momento del parto è sempre più vicino. 


Gravidanza, 34 settimane: manca poco al parto

Alla fine della 34esima settimana di gravidanza, il bambino potrebbe nascere da un giorno all'altro: ecco perché si fa sentire più frequentemente, causando nel corpo della madre un aumento del bruciore di stomaco. Per sconfiggerlo, sarebbe meglio fare 6-7 spuntini giornalieri evitando i pasti troppo abbondanti.
In questo periodo si potrebbe riscontrare un gonfiore alle mani, al viso, alle caviglie e ai piedi, sintomi che possono scomparire aumentando l'idratazione; ma se ad essi si aggiungono capogiri o svenimenti è bene avvisare il medico perché potrebbe essersi verificato un disturbo alla placenta.
Si potrebbero avvertire, inoltre, delle piccole perdite di urina.

Feto a 34 settimane

La punta dell’utero adesso si trova a circa 13 cm al di sopra dell’ombelico, ed il peso del feto è di 2,6 kg ed è lungo 43 cm. Il grasso che si forma sotto la pelle lo aiuterà a regolare la temperatura corporea per ambientarsi al di fuori dell'utero materno. Il medico deve fare attenzione alla posizione del bimbo perché, una volta posizionati per la nascita, alcuni bambini tendono poi a rigirarsi obbligando i medici ad effettuare un parto cesareo per evitare di far male al nascituro. Il bambino comunque, si comporta come se fosse già nato: apre gli occhi quando è sveglio, e li chiude per dormire.
Sarebbe meglio iniziare a parlare con l’ostetrica delle modalità del parto per capire quello che vi aspetta.

Potrebbe interessarti anche: Tutte le settimane di gravidanza

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.