Dogging, il sesso con gli sconosciuti che piace in Italia

Giulia Vola
Il "dogging", ovvero fare sesso all'aperto con sconosciuti è l'ultima moda che ha conquistato (anche) le donne italiane. Si sbriciolano gli stereotipi sull'erotismo al femminile che ha scoperto il sesso senza amore.  

Il "dogging" è la moda nata in Gran Bretagna di fare sesso con sconosciuti in auto o all'aperto.


L'amore meglio del sesso: falso. Il sesso senza amore non dà soddisfazione: ancora più falso. Prima di concedersi bisogna farsi desiderare: falsissimo. Alle donne del Terzo Millennio il sesso piace, anche senza amore, anche all’improvviso. E pure con gli sconosciuti. Uno dopo l'altro gli stereotipi e i tabù crollano come i mattoncini di un domino: dopo il sesso anale (mai stato così popolare tra le giovani e le meno giovani) ora è la volta delle avventure “una botta e via”. 

Vedi il successo di Tinder - l’app per gli amplessi mordi e fuggi che piacciono tanto a lei quanto a lui di cui tanto si è già parlato - e vedi l’esplosione di richieste di donne eterosessuali, molto spesso con famiglia, alla ricerca di esperienze lesbiche di una notte soltanto. A fare i conti è stata Chelsea Reynolds, docente di Giornalismo e Comunicazione all’Università del Minnesota che, spulciando tra gli annunci di Craigslist, il portale più popolare di New York dove la gente chiede, scambia e vende di tutto, è venuto fuori che di donne alla ricerca di altre donne erano una caterva. Incuriosita, la Reynolds ha allargato la ricerca ad altre dieci grandi città americane. Risultato: “È un fenomeno di grandissime proporzioni - spiega la docente -. Si tratta di migliaia di annunci ogni anno, tutti di eterosessuali vogliose di esperienze lesbo. In tre giorni sono stati postati circa 400 annunci. Molte di loro specificano: "Mio marito non lo sa e non si unirà a noi” e "Voglio una donna donna, non una donna-maschiaccio". Gli avvisi sono chiari". Niente a che vedere con l'omosessualità o la bisessualità: se appena il 7% delle americane si dichiara lesbica o bisex, quello delle donne etero che ogni tanto cerca esperienze omosessuali arriva al 25%. Chiariamo: gli annunci chiedono esperienze di una notte sola. Le donne in questione non hanno dilemmi esistenziali da risolvere ma solo voglia di spezzare la routine, di divertirsi. Per l’amore ci sono gli uomini e nelle loro vite ci sono famiglie felici. 

Nel regno del sesso che ha conquistato il gentil sesso, c’è la moda di farlo in luoghi pubblici, con sconosciuti, a condizione di non rivedersi mai più. La pratica - battezzata dagli inglesi “dogging” per via della scusa che strappa i libidinosi dalla vita domestica con l'alibi, per l’appunto, di portare il cane a fare un giro, e come una macchia d’olio ha contagiato mezzo mondo. Italia inclusa. 

Tanto semplice quanto adrenalinica, gli amanti si accalappiano sul web o nei luoghi che, in ogni città, il passaparola suggerisce e si danno appuntamento in auto, o al parco, ben consapevoli che, se qualche doggers voyeur vuole unirsi al gioco è il benvenuto. D’altra parte la cronaca è piena di amanti sorpresi a fare sesso all’aperto, per nulla preoccupati di essere visti. 

Che non si pensi, però, che il sesso occasionale non abbia le sue regole. Casuale sì, ma organizzato. Quelle dei doggers sono poche e semplici: si resta all’interno della propria auto, ci si riconosce con gli abbaglianti o le quattro frecce e se ci si piace si parte. In auto o all’aperto. Si fa sesso alla pari, senza portarsi dietro oggetti preziosi, con lo stesso abbandono e senza conseguenze psicologiche. O almeno si prova.

Insomma, spavalde e spudorate le donne dei tempi moderni danno del filo da torcere agli uomini. Lo sa bene la star di Youtube Andrea Wendel che è andata in giro per le strade a presentarsi a ignari uomini a cui, subito dopo, ha chiesto: “vuoi fare sesso con me?”. Oltre alle (prevedibili) risposte entusiaste, ha incassato anche sonori dinieghi per un totale di trenta sì e (udite udite) settanta no. Ciascuno adducendo una scusa diversa - “ho una fidanzata”, “scusa ho da fare”, "devo recuperare la mia bici", "prima voglio bere un Gatorade", “non mi sembra il caso”, “stai scherzando, spero” ma anche “penso che tu stia esagerando”. Qualcuno le ha anche domandato se fosse una prostituta, paralizzati dalla sua sfrontatezza. Insomma, ha concluso la Wendel, se da un lato gli uomini non pensano sempre al sesso, alle donne piace farlo (anche) senza amore.

L’Università di Ottawa si è fatta un po’ di domande in merito al sesso occasionale, le girate alle dirette interessate cercando di tracciare uno scenario. Perché lo fai? Ha chiesto. Perché “ero eccitata” o “volevo divertirmi”, hanno risposto loro senza batter ciglio. D’altra parte era ora che anche le donne potessero permettersi di separare amore e sesso, attitudine che nei millenni hanno affinato ma che la società ha annientato dietro alle convenzioni. E che ora si godono, a dispetto dei benpensanti. 

Copyright foto: Istock

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.