Voglio fare l'amore (con l'ex): i 4 errori della minestra riscaldata 

Elena Bianchi

La tentazione di fare l'amore con l'ex colpisce una coppia su cinque: ecco quali sono le situazioni in cui sarebbe meglio resistere ed evitare la minestra riscaldata. 

Se ancora innamorati, per riconquistarlo, per vendetta, o per abitudine: ecco quando il pensiero "voglio fare l'amore con l'ex" va scartato. © Anna Bizoń/123RF

La storia d’amore è finita, i motivi sono chiari ma il tarlo rosica e “voglio fare l’amore con l’ex” diventa un chiodo fisso. Succede per vari motivi, spiegano le indagini: perché il gusto della minestra riscaldata - che prima o poi chiunque ha assaggiato - è confortante, perché il passato è ancora vivo, perché il futuro è incerto, perché la solitudine fa paura e perché, a volte, la vendetta è una tentazione troppo forte. Fatto sta che succede più di quanto dovrebbe: stando a una ricerca pubblicata sul Journal of Social and Clinical Psychology a un quinto degli ex. Il fatto è che non sempre è una buona soluzione, anzi, molto spesso è una deriva da evitare.  

Sesso tra ex (ancora innamorati)

Che sia lui o lei ad essere ancora innamorato poco importa: il sesso tra ex funziona se tutti e due hanno rimarginato le ferite. O meglio: secondo la ricerca pubblicata sul Journal of Social and Clinical Psychology se la fine del rapporto non è stata del tutto digerita, fare l’amore rende più sopportabile la perdita, il problema è che il beneficio a chi ha il cuore spezzato è apparente e momentaneo. “In realtà - spiega Gianna Schelotto nel suo SOS Cuori Infranti (Mondadori) - è un'incapacità di distacco e un'illusione che ci si crea”. Senza contare il fatto che elaborare il lutto e superare la fine diventa sempre più difficile: gli americani la chiamano “la sindrome dell'uccello stupido” riferendosi all’albatros hawaiiano che dopo voli pindarici in cielo plana sulla terra guardando indietro e va a sbattere dappertutto. Consiglio: meglio fare altro, magari dando retta ai consigli delle App per dimenticare l'ex.     

Riconquistare l’ex: non a letto

Allo stesso modo, è meglio zittire la voglia di fare l’amore con l’ex se l’obiettivo è riconquistarlo. Anzitutto perché il rischio di idealizzare il passato è sempre in agguato ma altrettanto ingannevole - “spesso nel ricordo si censura quello che non ci andava bene in passato. Bisogna stare attenti a non perdere la lucidità” avverte la Schelotto - in secondo luogo perché se il rapporto non è spontaneo ma intessuto di aspettative, difficilmente indurrà l’ex a tornare sui suoi passi.  

Nuova relazione? Sesso tra ex da evitare

Anche nel caso in cui uno dei due sia impegnato in un'altra relazione il sesso tra ex non è una buona idea. Laddove siate voi ad essere coinvolti in una nuova storia, finire tra le braccia dell’ex significa impantanare il futuro in nome di un passato finito male. Viceversa, se è lui ad avere un’altra compagna, il rischio è di scatenare manie possessive e territoriali quando ormai non c’è più nulla da proteggere se non il ricordo dell'amore vissuto che non dovrebbe essere inquinato dalla vendetta.   

Fare l’amore con l’ex: sesso a tempo determinato 

Come succede per il sesso tra amici, anche il sesso tra ex dev’essere a tempo determinato. Nel (raro) caso in cui due ex fanno felicemente l'amore senza coinvolgimento emotivo, è bene sapere che l'idillio duri per un arco di tempo limitato. Altrimenti si resta sospesi: non solo ci si nega a vicenda le occasioni per conoscere nuovi partner, ma ci s'illude anche di essere appagati. Per la serie chi s’accontenta gode “così così”, come cantava Luciano Ligabue, la minestra riscaldata non si può scaldare a vita.

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.