Gastrite: sintomi, cause e cure

Cristina Piotti
Infiammazione allo stomaco, un disturbo frequente per il quale ci sono molteplici cause, e soluzioni. Soprattutto alimentari.

Gastrite, una patologia che può avere molte cause.


Le cause alla base della gastrite sono molteplici, come le soluzioni. Ecco quello che c'è da sapere.

Gastrite acuta

Per gastrite si intende un processo infiammatorio acuto o cronico a carico dello stomaco. Quelle acute sono le forme causate da  farmaci, stress, infezioni, cibi o sostanze irritanti, soprattutto alcol e fumo. I sintomi sono di solito nausea, dolori e diarrea. Le buone abitudini alimentari e un eventuale stop di farmaci (come i FANS) che possono causare questo disturbo, è già di aiuto per ridurre i sintomi.

Gastrite cronica

Sono forme spesso asintomatiche, mentre le cause sono da ricondursi all'Helicobacter pylori, oppure a terapie a lungo termine con farmaci gastrolesivi o per disturbi psicosomatici. Per combattere l' Helicobacter pylori servono però antibiotici e farmaci specifici, con una terapia più lunga. 

Gli esami

Dal medico di famiglia, alla visita con lo specialista, ci sono una serie di passaggi che permettono una diagnosi certa. In linea di massima, qualora lo ritenga opportuno, il medico prescriverà poi esami del sangue (per scoprire l'eventuale presenza degli anticorpi per l'Helicobacter pylori) oppure test del respiro, esame delle feci, gastroscopia o radiografia.

La cura

Una volta stabilita la natura del disturbo, il medico potrebbe prescrivere dei farmaci antiacidi o antiulcera, o i cosiddetti inibitori della pompa protonica, antibiotici e una dieta apposita, che eviti cibi pensati, fritti, carni rosse e latticini, alimenti grassi. Ma anche uno stile di vita attento, con esercizio fisico e meno stress, oltre che una masticazione più lenta. Un rimedio della nonna? La camomilla, che diversi studi hanno provato essere ottima in questa situazione.

Copyright foto: Fotolia

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.