Idropittura: lavabile, traspirante e antimuffa 

Elena Bianchi

L’idropittura per interni è la soluzione più diffusa per le pareti domestiche. Ecco le principali qualità che la rendono la scelta più indicata per tutte le esigenze. 

L'idropittura, diluita con acqua è più cara delle tempere ma più efficace. © warrengoldswain/123RF

Idropittura lavabile

Come suggerisce il nome, l’idropittura va diluita con acqua prima dell’uso. La soluzione lavabile è perfetta per tutti gli ambienti della casa dal momento che, all’occorrenza, permette ai muri di essere sfregati con un panno inumidito per eliminare eventuali macchie. La consistenza vellutata garantisce un’ottima resa anche con le tinte dai colori accesi. Perfetta per essere applicata su qualsiasi parete, esiste anche nella versione superlavabile, dall’elevato potere coprente e spiccata resistenza allo sfregamento, perfetta per le pareti esterne esposte agli agenti atmosferici.

Idropittura traspirante

L’idropittura traspirante è perfetta per gli ambienti più umidi della casa (anzitutto il bagno e la cucina), esposti a vapori acquei o dove si forma della condensa. In virtù delle sue proprietà traspiranti impedisce, infatti, la formazione dell'antiestetica muffa sui muri.

Idropittura antimuffa

Composta da resine acriliche, l’idropittura antimuffa ha un effetto igienizzante e antimuffa. Solitamente usata per tinteggiare i muri degli ambienti aperti al pubblico (ospedali e scuole anzitutto), è indicata nelle abitazioni dove vanno scongiurate le allergie

Oltre alla variante tradizionale esiste anche l'idropittura termoisolante (anche detta termica) che grazie alle microsfere cave di vetro nel composto assicura una minima trasmissione termica che diminuisce lo sbalzo di temperatura tra l’interno e l’esterno che oltre a offrire un risparmio energetico, scongiura la formazione di condense, soprattutto negli angoli dove si sviluppano più facilmente muffe e batteri.

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.