Milanese di adozione ma di origini perdute, ritrovo la bussola nella nebbia modenese, oppure alla finestra affacciata sul mare di camera mia in Liguria. Ho scoperto l’emozione della lettura sulle pagine dell’Isola del Tesoro e la meraviglia nei libri di Elsa Morante. Ho incontrato la parola flâneur a Parigi, altro luogo del mio caleidoscopio. Non ho ancora capito se questo è il lavoro del giornalista ma scrivo, fotografo, accumulo, leggo, vorrei essere sempre in viaggio e poi salvare tutto. Ho un problema: “A me piacciono troppe cose e io mi ritrovo sempre confuso e impegolato a correre da una stella cadente all’altra finché non precipito”. (J. Kerouac)
bleoni@magazinedelledonne.it