Nomi femminili con la e: alternative classiche

Eleonora Chiais

Sono tanti i nomi femminili con la e destinati a rivelarsi l’alternativa di onomastica più adatta per i futuri genitori. Ecco una selezione di alternative classiche senza tempo.
 

Nomi femminili con la e? Non c'è che l'imbarazzo della scelta. Ecco la nostra top five di nomi per bambine classici e chic. © katrinaelena/123rf

 

I nomi femminili con la e sono numerosissimi e, proprio come i loro omologhi che iniziano con la “a”, spesso conquistano i futuri genitori. In particolare, ad essere privilegiati, sono gli appellativi originali ma classici che, chic e senza tempo, si adattano perfettamente alle baby principesse in arrivo.

Ecco la top five dei nostri nomi femminili preferiti tra quelli che iniziano con la lettera “e”.


Eloisa: origine, significato e onomastico

Amatissimo dalle arti, il nome Eloisa - che rimanda subito alla sfortunata amante e moglie di Pietro Abelardo - ha origine dal francese antico Heloise che - derivato a sua volta dal germanico Helewidis - assume il significato di “sana e grande” perché si compone da “heil”, che vuol dire appunto “in salute”, accostato a “wid”, letteralmente “ampia”. L’onomastico di chi porta questo nome si festeggia normalmente l’11 di febbraio in ricordo di santa Eloisa ma, stando ai dati del contatore Istat, a celebrarlo - almeno in Italia - non sono in tantissime: la diffusione delle Eloisa nel Belpaese, infatti, non è particolarmente ampia e nel 2015 sono state chiamate così appena 15 bambine.


Elettra: origine, significato e onomastico

Elettra è un nome greco che deriva dal termine “elektron” e che significa “materiale splendente”. Estremamente classico, questo nome era portato da una delle Pleiadi (quella che, con Zeus, generò Dardano e Iasone) e anche della figlia di Agamennone che, col fratello Oreste, uccise la madre Clitemnestra e il suo amante Egisto per vendicare il padre. Guglielmo Marconi chiamò Elettra sua figlia (ma anche la sua nave-laboratorio) mentre, in tempi ben più recenti, tra i personaggi famosi non si può non ricordare Elettra Rossellini Wiedermann, figlia di Isabella Rossellini. La diffusione di questo nome negli ultimi anni è molto aumentata e, nel 2015, sono state battezzate così 140 bambine, il doppio rispetto al 1999 quando vennero registrate con questo nome in anagrafe “solo” 71 bimbe. Si tratta di un nome adespota quindi l’onomastico di Elettra si festeggia il 1° novembre in occasione di Ognissanti.

 

Egle: origine, significato e onomastico

Anche il nome Egle è adespota e anche lui ha origini greche. Il suo significato letterale è “splendore, luce, fulgore” e risale alla mitologia greca visto che era portato da una delle Esperidi (le Grazie), figlie di Atlante. In epoca ben più recente a dar lustro a questo nome - scelto, riportano i dati Istat, per registrare 23 bambine nel 2015 - sono state la pittrice Egle Marini e la scrittrice palermitana Egle Rizzo.


Elisabetta: origine, significato e onomastico

Ben più diffuso (anche se in leggero calo visto che è passato da 889 neonate nel 1999 a 534 bimbe chiamate così nel 2015), poi, ecco Elisabetta, nome ebraico che significa “il Signore è giuramento” ed è il nome della madre di Giovanni Battista. L’onomastico si può festeggiare il 17 novembre, in ricordo della santa regina d’Ungheria, o il 4 luglio giorno in cui si festeggia santa Isabella d’Aragona (alias Elisabetta) regina anch’essa, ma del Portogallo. Nome da regine, quindi, se si fa il conto che si chiama Elisabetta anche l'attuale Queen del Regno Unito ma si chiamava così anche la moglie di Francesco Giuseppe d’Amburgo, Elisabetta di Baviera, nota ai più come la fiabesca imperatrice Sissi. Elisabetta italiane famose e contemporanee sono, invece, Elisabetta Canalis ed Elisabetta Gregoraci.


Eleonora: origine, significato e onomastico

Eleonora, infine, deriva dal provenzale Alienor anche se alcuni fanno risalire le origini di questo nome dal greco Eleos. Il suo significato è incerto perché, a seconda dell’origine, può essere “la straniera“ oppure “colei che ha pietà”. Eleonora ha avuto una fortunata diffusione durante il Medioevo - grazie ad Eleonora d’Aquitania, regina di Francia e poi d’Inghilterra, ed Eleonora d’Arborea, giudice del Giudicato di Arborea - ma il suo successo continua ancora oggi. Tra i personaggi famosi che lo portano - o l'hanno portato in epoca recente -, e che quindi festeggiano l’onomastico il 21 di febbraio in onore di Santa Eleonora di Provenza, ci sono infatti la ballerina Eleonora Abbagnato, l’attrice Eleonora Brigliadori ma anche Eleonora Giorgi e l’indimenticabile Eleonora Duse

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.