Auguri per la festa dei nonni che non ci sono più

Eleonora Chiais

Il 2 ottobre si celebra in Italia la giornata dedicata ai nonni, un'occasione importante anche per ricordare i nonni che non ci sono più. Ma che non ci hanno mai davvero lasciati.
 

La festa dei nonni del 2 di ottobre è l'occasione perfetta anche per ricordare i nonni che non ci sono più. © Katarzyna Białasiewicz/123rf


Un profumo, un quadretto, una canzone, uno scorcio inatteso di un panorama visto e rivisto: sono tanti i dettagli di ogni giorno che ci riportano con la mente ai nonni che non ci sono più, dettagli importanti, questi, dettagli che nel giorno della festa dei nonni (che in Italia si celebra il 2 ottobre) possono regalarci l'occasione di ricordare chi ci ha dato molto e continua a darci altrettanto, anche adesso che non è più con noi.

Nonni amati, nonni rispettati, nonni dolci, nonni autoritari, nonni sfuggenti o presentissimi, nonni giovani, giovanili o nonni-nonni, con tanto di sedia a dondolo e copertina sulle ginocchia. La nonna con la quale preparare la torta di mele nelle domeniche uggiose o il nonno con il quale curare le piante all'arrivo della primavera, la nonna sportiva per la quale non esisteva percorso che non si poteva coprire a piedi o il nonno intellettuale, capace di trasformare il più astruso passo dell'Ariosto nella più scorrevole (e accattivante) delle favole della buonanotte. Nonni che ora non sono più con noi. E quante cose avremmo da dirgli.

Tra aggiornamenti "ordinari" e confessioni intime si passerebbero dei bei pomeriggi con questi nonni, gli si racconterebbero le novità della vita di ogni giorno, gli si chiederebbero consigli e suggerimenti. E loro? Loro certamente avrebbero le risposte, troverebbero le parole, piegherebbero le labbra in quel sorriso dolce che c'indicherebbe la strada. Ma i nonni non ci sono più, se non nel nostro ricordo.

Proprio per questo, per tener vivo questo ricordo e di conseguenza i nostri stessi nonni, val la pena di celebrarli, festeggiarli - nella loro giornata - per farli rivivere e, tra una torta preparata alla vecchia maniera, una passeggiata un po' più lunga del solito (in barba al tran-tran che, sulla carta, sembra sempre non lasciare il tempo di far nulla), un quarto d'ora da dedicare alle piante sul balcone o un attimo da concedere alla lettura di un classico far loro gli auguri da lontano. Ricordandosi sempre che "I nonni ti vedono crescere, sapendo che ti lasceranno prima degli altri. Forse è per questo che ti amano più di tutti", e - da nipoti - non si può che ricambiare. Auguri per la festa dei nonni che non ci sono più!

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.