Pechino Express 2017: ecco quando inizia e quale sarà il percorso

Dieci puntate per la sesta edizione di Pechino Express, che vede ancora al timone Costantino Della Gherardesca.
 

Costantino Della Gherardesca è al timone della sesta edizione di Pechino Express. © Rai.it


Otto coppie in gara sparse per i territori incontaminati delle Filippine, per l'isola di Taiwan e la terra dei Samurai, il Giappone. La nuova edizione di Pechino Express, in partenza il 13 settembre alle 21,10 su Rai2 tutti i mercoledì (ma la seconda settimana ci sarà un doppio appuntamento, il 19 e 20 settembre), promette davvero bene. Dall'America, dove si è svolta l'edizione dell'anno scorso, quest'anno il programma torna alle origini e si sposta di nuovo in Oriente, per esplorare tre grandi Paesi dalle anime molto diverse, dove le tradizioni millenarie incontrano le metropoli più avveniristiche e moderne.

Il cast, quest'anno ancora più giovane e moderno, vede in gara, a contendersi la vittoria finale, Guglielmo Scilla e Alice Venturi, ovvero gli Amici, Antonella Elia e Jill Cooper, le Caporali, Ema Stokholma e Valentina Pegorer, le Clubber, Alessandro e Cristina Egger, in arte gli Egger, Olfo Bosé e Rafael Amargo, meglio conosciuti come las Estrellas, Eugenia Costantini e Agata Cannizzaro, ovvero Figliaematrigna, Francesco Arca e Rocco Giusti, i Maschi e, infine, Marcelo Burlon e Michele Lamanna, ovvero i Modaioli

A condurre questa sesta edizione c'è, per il quinto anno consecutivo, Costantino Della Gherardesca, che ci ha dato qualche anticipazione su ciò che vedremo all'interno del programma. Prima di tutto, sulle persone in gara: "Il cast è innovativo e poco televisivo, si tratta di persone famose, ma non soltanto all'interno della televisione. Non volevamo essere autoreferenziali, quindi ci siamo aperti verso il mondo del web, della moda e della musica", ha spiegato.

Sui territori dove i 16 componenti si giocheranno le varie prove, il conduttore romano ha dichiarato che "il ritorno in Oriente è molto interessante. Quest'anno faremo vedere ancora di più le vite delle persone del posto. La nostra esigenza è aprirci verso il mondo: tendiamo sempre a essere provinciali e a parlare solo dell'Italia, ma Pechino Express si apre verso un mondo più ampio. Quest'anno attraverseremo le Filippine, dove vedremo delle realtà molto forti e difficili, una parte molto povera del mondo. Dopodiché i viaggiatori raggiungeranno Paesi anche molto più ricchi dell'Italia: è la prima volta che succede".

Per quanto riguarda la qualità dei contenuti, il conduttore, forte degli ottimi ascolti degli scorsi anni, dimostra di puntarci anche questa volta al 100 per cento: "La qualità del programma per noi è la cosa più importante, non possiamo più permetterci di sottovalutare il pubblico. Ormai in tv si vedono fiction americane fatte benissimo e il pubblico è estremamente esigente e attento alla qualità del prodotto".

Tra le novità di quest'anno, anche la possibilità di vincere delle stelle attraverso alcune micro prove, che potranno condizionare il risultato finale e cambiare all'ultimo il destino delle coppie in gara. E se Costantino in questa edizione si dice "ancora emozionato, ma più sicuro di me" grazie all'esperienza degli anni precedenti, ammette che la sua più grande gioia nel registrare il programma è stata culinaria, ovvero "mangiare i buonissimi ravioli di Taiwan!".

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.