Giornata mondiale del donatore di sangue: “Donate ora”

Cristina Piotti

La Giornata mondiale del donatore di sangue 2017 si celebra all’insegna del volontariato ma anche di sensibilizzazione rispetto ai motivi per i quali questa scelta è importante.
 

Il World blood donor day 2017 è la giornata dedicata ai donatori di sangue indetta dall’Oms. © Sebastian Groß / 123RF


La Giornata mondiale del donatore 2017, quest’anno, si celebra oggi con lo slogan “Dona sangue. Donalo ora, donalo spesso". Si tratta infatti di una iniziativa voluta dall'Organizzazione mondiale della Sanità per spiegare a chi ancora non lo facesse l'importanza di questo gesto di altruismo. Allo stesso tempo, la giornata è stata istituita per ringraziare i volontari che a livello mondiale permettono secondo le stime di toccare la cifra di 112,5 milioni di donazioni annue, con tassi in crescita soprattutto nei Paesi dal reddito maggiore.

Questa donazione è un gesto che aiuta i pazienti che devono affrontare trattamenti specifici oppure interventi chirurgici, talvolta urgenti. In questo senso i donatori di sangue a livello mondiale non solo migliorano la qualità della vita dei malati ma sono decisivi in scenari di catastrofi, guerre e calamità naturali, dove l’accesso agli emoderivati è fondamentale. "L'adeguata disponibilità di sangue durante le emergenze richiede un servizio sanguigno ben organizzato, e questo può essere garantito solo grazie ad una popolazione di donatori di sangue impegnata a donare gratuitamente il sangue volontario durante tutto l'anno", ricorda l'Oms. In particolare, l’edizione 2017 del donatore di sangue sarà celebrata in via ufficiale nella capitale del Vietnam, Hanoi, e saranno organizzate con la collaborazione dell’Istituto Nazionale di Ematologia e Medicina Trasfusionale.

In Italia? Il Centro nazionale sangue riferisce che, nonostante si conti una donazione ogni 10 secondi, i donatori “invecchiano” e si riducono i giovani che scelgono di farlo. Il risultato? Le donazioni di sangue e plasma sono ad un minimo storico, a fronte di un aumento delle trasfusioni effettuate nel corso del 2016.

Per contribuire o per partecipare alla giornata, ci si può recare in una delle sedi locali Avis oppure andare sul sito legato al ministero della Salute cns.sanita.it/geoblood, in cui trovare la prima mappa italiana che raccoglie tutti i punti dove donare. Infine, sulla pagina Plasma Italia del sito www.centrosangue.it si trovano maggiori informazione sull'importanza e sulle modalità per avvicinarsi a questo tipo di donazione.

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.