Emma Watson, foto hackerate: scatti privati in rete

Giulia Vola

Emma Watson è l'ennesima vittima dei pirati informatici: circa 80 le foto private hackerate e rimbalzate in rete. Nessuno scatto osé, l'attrice ha fatto causa contro ignoti.

Le foto hackerate a Emma Watson risalgono a un paio di anni fa, durante una prova costume.


Le foto hackerate a Emma Watson e rimbalzate dal dark web a profili Instagram passando per Reddit e 4Chan risalgono a un paio di anni fa. Sono caste, nessun nudo, ma fanno ugualmente rumore: l’attrice in versione acqua e sapone è a una prova costume, ne indossa di bianchi e di colorati, interi e bikini. Poi, in un gioco di specchi, si presta allo doppio scatto, fronte e retro.

A meno di un mese dalle 200 foto sottratte a Emily Ratajkowski (ma non diffuse per solidarietà femminile), la vittima è proprio quell’attrice graziata nel 2014, quando il Celebgate inondò la rete con centinaia di scatti rubati ai vip - tra cui le colleghe Kate Upton, Kirsten Dunst e Jennifer Lawrence che lo definì un “reato sessuale” - e lei parlò di "mancanza di empatia".

Ora è lei ad aver bisogno di empatia visto che oltre all’ottantina di scatti hackerati, è stato piratato anche un video in cui Emma, la Bella de La Bella e la Bestia, si fa un video mentre è nella vasca da bagno. Anche in questo caso, nulla di hot: secondo chi l’ha visto più che altro sembra un documentario. Sia come sia, se basta uno scatto come quello uscito su Vanity Fair per scatenare il polverone, figuriamoci quelli privati.

L’attrice, che ha già schierato un team di legali, non è l’unica ad essere finita sotto l’ennesimo attacco: anche l’account delle attrici Amanda Seyfried e Jillian Murray sarebbe stato violato. Di certo, in rete è in buona compagnia.

Celebgate a parte (per cui nel gennaio 2017 è stato condannato Edward Majerczyk, il 29enne tra i  responsabili del furto digitale), nel 2011 fu il turno di Scarlett Johansson: gli scatti nel bagno erano destinati all’allora marito Ryan Reynolds ma li videro praticamente tutti. Nel 2009 di Rihanna, che definì l’episodio “umiliante e imbarazzante”, “la peggiore cosa che mi potesse mai capitare”; due anni prima capitò a Vanessa Hudgens, appena 18enne. La lista, purtroppo, è lunghissima e di empatia, finora, se n'è vista troppa poca.

Potrebbe interessarti anche: Intervista a Emma Watson: "Da Hermione a Belle ecco la mia trasformazione"

Copyright foto: Kika Press

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.