Michelle Obama-Trump: il modo di trattare le donne è intollerabile

Giulia Vola

Al fianco di Hillary Clinton, Michelle Obama si scaglia contro Donald Trump: "Non sono chiacchiere da spogliatoio, è un'idea delle donne crudele, spaventosa, che fa male".

A proposito di Donald Trump, Michelle Obama è stata chiarissima: "Il modo di Trump di trattare le donne non è normale, è intollerabile".

Michelle Obama contro Donald Trump. "Il modo di Trump di trattare le donne non è normale, è intollerabile" ha tuonato la First Lady dal New Hampshire, al fianco della candidata democratica Hillary Clinton. A meno di un mese dalle elezioni presidenziali che per la prima volta vedono una donna in gara per la Casa Bianca, sono proprio le donne a fare la differenza. Non soltanto più perché alle urne rappresentano il 53% dell’elettorato a stelle e strisce ma soprattutto perché le ultime uscite del repubblicano a proposito delle donne stanno turbando sempre più uomini. 

Dopo averle apostrofate “cagne” e “maiali” - come ha ricordato Hillary nel confronto di fine settembre -, dopo il video del 2005, in cui Trump sosteneva che in qualità di “vip” avrebbe potuto far di loro ciò che voleva - exploit bollato dal candidato come “chiacchiere da spogliatoio” e finito al centro del secondo dibattito tv -, ora sono uscite le storie di cinque donne che a vari giornali hanno raccontato di essere state molestate in vario modo dal tycoon (che ha risposto minacciando azioni legali e twittando: "Una montatura”) e la difesa di Trump ormai fa acqua da tutte le parti.

Perché è proprio il passato di Trump cacciatore a ritorcersi contro di lui ogni giorno di più. "Non sono chiacchiere da spogliatoio, è una idea delle donne crudele, spaventosa, che fa male" ha precisato Michelle Obama prima di aggiungere: "Non possiamo sopportare questa cosa per un altro minuto, né far sì che i nostri figli restino a contatto con queste idee. Per un solo minuto. Figuriamoci per anni di presidenza”. Tanto più, ha ribadito Michelle, che “queste chiacchiere da spogliatoio sono un insulto anche a tutti gli uomini per bene, che esistono. Gli uomini della mia vita non parlano e non hanno mai parlato così. Gli uomini forti, quelli che sono un modello, non hanno bisogno di degradare le donne per mostrare il loro potere". A questo punto la parola va, anzitutto, al 53% dell’elettorato.

 

Copyright foto: Kika Press

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.