Festa della zia: il 26 luglio è il giorno delle Aunties

Eleonora Chiais
La festa della zia è stata lanciata da Melanie Notkin nel 2009 per celebrare questa figura (spesso) salvifica per i genitori e (sempre) spassosa per i più piccoli. Attenzione, però, perché biologiche o acquisite non fa differenza.
 
Lanciata da Melanie Notkin nel 2009, la festa della zia si festeggia il 26 di luglio e ha subito contagiato anche l'Italia. © goodluz/123rf


"Zia”, tre lettere che – specialmente quando sono pronunciate a circa 60 centimetri di altezza e accompagnate da un (immancabile) sguardo adorante – sono capaci di sciogliere anche i cuori meno inclini alle tenerezze. O, almeno, di questo è convinta la scrittrice americana Melanie Notkin che, dopo aver pubblicato sul tema il bestseller Otherhood e coniato il termine Punks (acronimo di Professional Aunts No Kids), nel 2009 ha lanciato pure una giornata di festa dedicata alla Auntie professionista.

La ricorrenza – entrata a pieno titolo anche tra le festività nostrane - cade il 26 luglio di ogni anno e prevede che i piccoli (o meno piccoli) di casa celebrino queste figure tanto amate. Già perché, indubbiamente, il ruolo della zia – biologica o acquisita che sia - è tra i più ghiotti nelle relazioni famigliari: amatissima dai nipotini, che a qualsiasi età la scelgono alternativamente come confidente o come compagna di giochi, le zie (senza figli suoi) sono – stando a quanto riporta la Notkin sul suo blog – il 57% delle donne americane e, proprio grazie alla loro vita no kids, si dedicano con devozione e generosità ai figli di amiche, sorelle e fratelli.

E i piccoli ricambiano lo slancio ripagando gli sforzi con un affetto che – stando a indagini recenti su vari campioni di giovanissimi – è superiore nel 29% dei casi rispetto a quello nutrito per gli altri parenti, nonni e omologhi maschi della zietta in primis. Dulcis in fundo, poi, chi desidera un punto di riferimento per il suo ruolo di zia non ha che l’imbarazzo della scelta nello show business: Jennifer Aniston, per esempio, è la presentissima madrina della piccola Coco – figlia dell’amica e collega di Friends Courteney Cox – mentre Drew Barrymore ha ammesso spesso di dovere molto all’aiuto di zia Cameron (Diaz) che, da parte sua, ha restituito il complimento ammettendo che fare la zia è la cosa “più cool del mondo”. Come darle torto?

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.