Victoria Beckham a New York tra bon-ton e polemiche

Eleonora Chiais

Lady Beckham siede David e Brooklyn in prima fila accanto ad Anna Wintour poi incanta la Settimana della Moda di New York con una collezione P/E 2016 eclettica, solare e chic. Ma esplode la polemica: modelle troppo magre.


Tagli e colori in libertà nel nuovo bon-ton proposto da Victoria Beckham sulle passerelle di New York.

 

Bon-ton cheap and chic: ecco la Primavera/Estate 2016 secondo Victoria Beckham che, per presentare la collezione alla New York Fashion Week, ha schierato nel front row il suo David e il figlio Brooklyn, sedendoli accanto ad Anna Wintour

Di fronte alla presentazione (fuori dal cartellone ufficiale) firmata dall’ex Posh Spice largo ad applausi e celebrazioni ma anche a qualche perplessità. Queste ultime riguardano soprattutto la forma fisica delle modelle che, accusate dalla rete di essere scheletriche, riaccendono il dibattito sull'anoressia nella moda. "Sono troppo magre" tuonano quasi all'unisono i "fan" sui social network ma l'ex cantante non si interessa al dibattito: "Ho disegnato una collezione per tutte le donne e per tutte le taglie - commenta - lo dico sempre ma voglio solo che le donne si sentano la migliore versione di sé stesse". 

Disegnata per tutte (o meno), la collezione si compone di capi casual chic incentrati sull’assoluta versatilità e su una palette di colori quanto mai ricca. Ricchissimo anche il mondo delle fantasie stampate dove quadri e quadretti si accostano a disegni animalier mentre l’optical va a braccetto (almeno sul catwalk) con il navy più tradizionale. Bianco e nero restano, comunque, un punto di riferimento anche se, accanto a loro, si impongono le tonalità più calde dal marrone all’arancio passando per rosso e giallo. 

L’insieme, anche grazie agli alleati cromatici, è una selezione di abiti solari e originali dove ai tagli (in libertà) si accostano dettagli ricercati e qualche trovata davvero particolare. 

Copyright foto: Imaxtree.com

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.