Calze a rete: storia e abbinamenti di moda

Eleonora Chiais

Le calze a rete tanto amate dalle dive del cinema divennero un segno di trasgressione negli anni 80 e adesso tornano per completare ogni look: ecco come.

Le calze a rete sono un passe-partout della moda intima femminile e, amate fin dagli anni 50, hanno assunto dagli anni 80 in poi un mood trasgressivo e sexy. © Vladimir Gjorgiev/123rf

Amatissime dalle dive del cinema anni Cinquanta, le calze a rete tornano di gran moda (anche) nei look più provocanti delle celebrities di oggi che le propongono come passe partout anche nelle mise urban ad alto tasso di fascino. Come abbinarle, però? I suggerimenti più cool arrivano (anche) dalla storia di questo capo intimo e seducente.

Collant a rete: la storia

Originariamente appannaggio delle ballerine e delle interpreti degli spettacoli di burlesque, i collant a rete in principio si declinavano solo ed esclusivamente sulle tonalità color carne ma conobbero il successo solo quando, verso la metà del secolo scorso, apparvero in versione black (apparendo, tra l’altro, a fasciare le gambe di Jane Russel e Marilyn Monroe). Amatissime da Ava Gardner, Sophia Loren e Brigitte Bardot le calze dal tipico disegno romboidale diventarono quindi un must nella divisa quotidiana di signore e signorine e rimasero in cima alle preferenze modaiole più bon-ton per vari decenni. Il momento della seconda rottura arrivò con i ruggenti anni 80 periodo nel quale - anche grazie all’intercessione fashion di Madonna e del suo videoclip di Material Girl - le calze a rete divennero simbolo di trasgressione e femminilità esuberante. E oggi? Oggi sono una via di mezzo tra questi estremi e, proprio per questo, si prestano a ogni occasione.

Calze a rete larga (o stretta): come abbinarle?

Vista la loro carica sensuale, le calze a rete (larga o stretta che sia) sono perfette da abbinare a un abbigliamento austero che si bilanci proprio con questo capo intimo estremamente sexy. Via libera, così, a look che le prevedano con gonne linguette dal taglio scampanato, tacchi medi e camicie abbottonate fino all’ultimo bottone da portare con morbidi cardigan bon-ton. Un’alternativa sullo stesso stile? Con un tubino dal taglio classico e dall’orlo midi (e con un golf largo ma corto), mentre chi non teme di miscelare stili diversi potrà sfoggiarli con pantaloni culottes a tre quarti e sneakers colorate. 

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.