Tappo mucoso: quando si espelle?

Eleonora Chiais

Che cos’è il tappo mucoso?Davvero la sua espulsione annuncia l’inizio del travaglio? Ecco tutto quelloche c’è da sapere.


Il tappo mucoso viene espulso all'inizio del pre-travaglio e si riconosce per la sua consistenza gelatinosa e per le striature rosse o rosate.


Tappo mucoso: ecco due parole che, messe l’una dietrol’altra, significano poco per chiunque ma diventano ossessivamente presentinelle giornate delle primipare alle prese con l’avvicinarsi della data previstaper il parto. Non esiste mamma che non si sia interrogata sul tema e quindiecco qui, una volta per tutte, quello che c’è da sapere sul (famigerato) tappomucoso.

 

Cos’è?

Il tappo mucoso è una secrezione di origine, appunto, mucosache durante la gravidanza tiene il canale cervicale sigillato proteggendo ilfeto dalle infezioni esterne. Composto da acqua e glucoproteine si forma findall’inizio della gestazione ed è fondamentale per riparare il bambino daicorpi estranei e creare un ambiente protetto all’interno dell’utero e dellasacca amniotica.

 

Perdita del tappo mucoso

Considerata tradizionalmente come la prima fase deltravaglio, in realtà l’espulsione del tappo mucoso può avvenire anche giorni osettimane prima della nascita effettiva. Quando questa avviene è accompagnata,generalmente, da perdite insolite di consistenza gelatinosa e che possonocontenere tracce di sangue. Spesso, però, l’espulsione del tappo mucoso passadel tutto inosservata visto che può verificarsi tutta insieme o attraverso piccoleperdite che possono protrarsi per giorni.

 

L'aspetto

In generale, però, è possibile riconoscere il tappo mucosoproprio per la sua consistenza gelatinosa e per le caratteristiche striature rosse (o rosate) che sonodovute o alla rottura dei piccoli capillari del collo dell’utero (che silesionano leggermente quando il tappo mucoso si stacca dalla sua posizione) oad un accumulo di sangue stantio risalente all’inizio della gravidanza.

 

Cosa fare dopo l’espulsione?

L’espulsione del tappo mucoso segna l’inizio delpre-travaglio e, per questo, è inutile correre in ospedale se non sono ancoracominciate le contrazioni e non si sono ancora rotte le acque. L’unico caso nelquale è invece necessario un pronto intervento è quando l’espulsione siverifica molto tempo prima rispetto alla data presunta del parto, in questocaso è fortemente consigliata una visita ginecologica. 


Copyright foto: Fotolia

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.