Seno gonfio e dolorante: cosa significa?

Cristina Piotti

Seno dolorante e gonfio: una sintomatologia che non deve preoccupare. Varia a seconda degli stati e della ciclicità della vita della donna. 
 

Seno gonfio e capezzoli doloranti: ci sono degli stati patologici, ma di solito è un sintomo benigno. ©  Ion Chiosea 123RF


Avere un seno gonfio è un sintomo abbastanza frequente, che talvolta si accompagna, in alcune fasi del ciclo, ad una certa dolorabilità. Quando questa è eccessiva, e la tensione non sopportabile, si parla di una condizione detta mastodinia o mastalgia. Ecco i vari casi. 

 

Cause

Le cause di un seno gonfio e dolente sono uno dei sintomi più frequenti nella vita di una donna fertile, quindi tra la prima mestruazione e la menopausa. 


Seno gonfio in menopausa

Talvolta, se in menopausa si avvia una terapia ormonale sostitutiva a base di progesterone o progestinici, può comparire una certa dolenza al seno, che diventa anche più denso: in tal caso è bene parlarne con il medico, per valutare delle alternative. 


Seno gonfio prima del ciclo

Seno gonfio e dolorante 15 giorni prima del ciclo? In generale, con l’approssimarsi delle mestruazioni e della conseguente ovulazione, si un aumento di flusso sanguigno al seno e dei dotti (cioè dei canali da cui fuoriesce il latte), a causa dell’innalzarsi dei livelli di progesterone.  


Iperprolattinemia

Quando a dolore e seno ingrossati si unisce il mal di testa, si può ipotizzare una iperprolattinemia ovvero un aumento dell’ormone prodotto dall’ipofisi, la prolattina. Uno stato curabile, ma che va analizzato con il proprio ginecologo e con un endocrinologo. 


Seno gonfio, sintomo di gravidanza

Il seno gonfio è anche tra i primi sintomi della gravidanza, che si può presentare anche senza dolore, per via dell’aumento dei livelli di prolattina. 


Seno gonfio in allattamento

L’allattamento ovviamente aumenta il seno, ma un ecco di dolore è invece causato da una forma infiammatoria, detta mastite, che può facilmente essere curata con antibiotici o anti-infiammatori.

 

Rimedi

Per alleviare il dolore è possibile fare impacchi di acqua calda e provare a cambiare reggiseno. Ma se il dolore è eccessivo, di possono provare delle pomate a base di progestinici, su stretto controllo medico. 

 

Quando andare dal medico

Se a dolore e ingrossamento si unisco perdite dai capezzoli, tracce di sangue, presenza di noduli o pus, è bene andare dal medico per ulteriori accertamenti. 

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.