Prurito intimo esterno: cause e rimedi

Cristina Piotti

Forte prurito intimo esterno? Le cause possono essere diverse, e di conseguenza le cure: per questo motivo è importante evitare l’autodiagnosi.
 

Prurito esterno vaginale, fastidioso, ma limitabile. Ecco come. © Rui Santos /123RF


Prurito intimo esterno: rimedi. Per prima cosa, nessuno spavento. Può capitare a tutte. Un fastidioso pizzicore a livello vulvare, accompagnato magari da una diffusa irritazione. Le cause possono essere molteplici.

Prurito e bruciore: i sintomi

Si tratta di un pizzicore, più o meno intenso. A seconda delle cause, può essere accompagnato di bruciore e gonfiore, oppure perdite biancastre

Cause

La causa può essere una leggera infiammazione o una infezione, che può dipendere da batteri, funghi oppure allergie. Altre cause sono stress, cattiva igiene orale o eccessiva sudorazione. Per questo è bene prendere nota dei sintomi, della loro durata, del momento del ciclo nel quale ci si trova, e riferire tutto al ginecologo. 

Prima del ciclo

Si può trattare di una forma di leucorrea, una perdita vaginale biancastra pre ciclo, oppure una forma di micosi. Infine, può trattarsi anche di una leggera forma di vestibolite. È bene quindi prende attentamente nota dei sintomi e parlarne con il ginecologo, che proporrà la cura più adatta. 

Crema per prurito intimo esterno

Un primo rimedio per alleviare il fastidio sono di solito delle creme blandamente anestetiche che si possono acquista in farmacia. Ma attenzione: è comunque bene informare il medico prima di utilizzarle

Rimedi: bicarbonato?

C’è chi parla di lavande al bicarbonato, alla camomilla, all’aloe. Prima ancora, sarebbe bene provare a cambiare di frequente la biancheria intima (prediligendo il cotone bianco), non usare abiti troppo stretti, e sospendere l’uso di detergenti, detersivi, bagni schiuma e creme depilatorie sulla parte irritata, usando per l’igiene orale detergenti intimi ipoallergenici. Usare creme o lavande che leniscano il fastidio non è errato ma è bene ricordare che, qualora il medico richieda un tampone per indagare meglio le cause del prurito, questi rimedi dovranno essere sospesi alcuni giorni prima dell’esame. 

Prurito intimo esterno in gravidanza

Non bisogna allarmarsi, si tratta di un disturbo comune a diverse donne in attesa, ma dato che (qualora sia intenso e continuato) può essere spia di un’infezione vaginale, è importante informare subito il proprio ginecologo.

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.