Vasche idromassaggio da esterno: Spa domestiche a cielo aperto

Giulia Vola

Concedersi una vasca idromassaggio all’aria aperta è un lusso più accessibile del previsto. Ecco che cosa bisogna sapere prima di acquistare una Spa domestica.

Le piscine idromassaggio da esterno sono disponibili in modelli gonfiabili o soluzioni da incasso o da terra. © Svyatoslava Vladzimirska/123RF


Piscine idromassaggio da esterno: premesse

Sono piccole piscine o grandi idromassaggi? Le vasche da esterno sono delle vere e proprie Spa domestiche in grado di regalare intensi momenti di relax. Nel valutare l’acquisto è importante considerare il budget che si ha a disposizione - i prezzi vanno da 500 euro per quelle gonfiabili ai 1500-2mila per i modelli da 2 persone, da 5 a 10mila per quelle da 5-6 e fino a 20mila euro per i modelli di lusso -, ricercare un buon compromesso tra tecnologia e manutenzione e, soprattutto, valutare lo spazio che si ha a disposizione, tenendo presente che i modelli più diffusi sono di forma rettangolare, rotonda e ad angolo. Infine, è bene accertare la presenza di un vicino impianto idrico ed elettrico all'altezza del carico richiesto.


Idromassaggio da esterno: che cosa valutare

Lasciando da parte le vasche idromassaggio da esterno gonfiabili, soluzioni perfette per investimenti ridotti e prodotti all’acqua di rose, le proposte più versatili per creare vere e proprie Spa domestiche, sono le vasche da esterno fuori terra (o portatili) che, a differenza di quelle incassate, non richiedono interventi di muratura per l’installazione. Le vasche, infatti, sono dei monoblocchi autoportanti e prima di essere messi a dimora richiedono accurate valutazioni tecniche. Tanto per capirci: le vasche da due persone hanno un carico di 800 chili (d’acqua) mentre quelle da 5 o 6 superano la tonnellata e mezzo.

Un’altra valutazione da fare riguarda il tipo di filtrazione che, sfruttando le pompe a getto, non solo tiene pulita l’acqua ma svolge anche la funzione di idromassaggio.  Ecco perché - onde evitare onerosi interventi di manutenzione - è meglio privilegiare un sistema più efficiente anche se un po’ più costoso al momento dell’acquisto. Stesso discorso vale per i filtri e i ricambi: accertatevi che i modelli siano facilmente reperibili e non troppo costosi.

Da considerare anche il rumore e l’efficienza delle pompe - va da sé che più sono silenziose e in grado di reggere diverse ore consecutive di lavoro più sono care - e l’intensità regolabile dei getti d’acqua (che incide nel consumo di energia elettrica).

 

Spa da esterno: gli accessori indispensabili

Infine, è importante valutare anche l’acquisto di alcuni accessori che si rivelano indispensabili. Anzitutto la copertura isolante che mantiene l’acqua pulita e a temperatura costante. In secondo luogo l’ozonizzatore o ozonatore, per la depurazione così da non dover usare il cloro (e di conseguenza evitare l’odore sgradevole) o altri prodotti chimici. Da valutare anche i gradini per l’accesso alla vasca, il telecomando per la gestione dei getti a distanza, un impianto per la musica e dispositivi per la cromoterapia, l’aromaterapia, o programmi ad hoc per la stimolazione bilanciata del corpo. 

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.