Organizzare le pulizie di casa quando si lavora: ecco come fare

Elena Bianchi

Pianificare le pulizie di casa è doveroso, farlo in maniera scientifica quando si lavora è obbligatorio. Ecco come organizzarle in una settimana. 

Pianificare le pulizie di casa quando si lavora è fondamentale per ottenere un buon risultato. © Elena Elisseeva/123RF


Lunedì: procurarsi i prodotti giusti

Come per le diete, il lunedì è il giorno della pianificazione, anche a proposito di pulizie di casa. Accertatevi di avere i giusti prodotti e, durante la pausa pranzo o prima del rientro a casa, procuratevi quelli che mancano (o sono da sostituire) così da ottimizzare tutti i momenti che avete a disposizione. La prima sera, dopo cena, dedicatela alla pulizia della cucina.


Martedì: ordine (prima), pulizia poi

Il martedì è il giorno dell’ordine, fondamentale prima di iniziare a pulire. Puntate la sveglia un po’ prima e affrontate i mobiletti del bagno, la sera dedicatela a quelli della cucina e, in generale, setacciate la casa con il preciso obiettivo di eliminare tutto ciò che avete trascurato: vecchi prodotti, cibi scaduti, vecchie riviste e chi più ne ha, ne butti! L’operazione non solo agevola una pulizia più efficace ma fa bene anche all’animo, come da anni ripete Marie Kondo, giovane scrittrice giapponese teorica del decluttering. Se avete tempo, dedicatevi anche al balcone: uno dei principali accessi domestici per lo sporco.


Mercoledì: tappeti e imbottiti

Il mercoledì si affronta la polvere, l’inquilino più sgradito di tutti gli appartamenti. Prima di entrare in ufficio si tolgono i tappeti, si stendono sulla ringhiera, si battono con il battipanni e si lasciano a prendere aria. Stessa operazione con gli imbottiti: materassi e cuscini, da sbattere con ugual vigore e lasciare all’aperto. La sera, prima di rimettere tutto in casa, date una pulita al pavimento, eliminando la polvere da sotto il letto, il divano e dove andrete a riposizionare i tappeti.


Giovedì: polvere addio

L’addio alla polvere continua il giovedì: al mattino, armati di panno in microfibra si dà una spolverata ai mobili mentre con un piumino ai punti luce. Occupatevi delle mensole e delle librerie la sera, quando si ha il tempo per affrontare anche la pulizia degli oggetti sparpagliati qua e là per la casa. Prima di andare a dormire passate nuovamente la scopa per raccogliere la polvere che avete sollevato, senza dimenticare gli angoli.


Venerdì: igienizzare

Il venerdì è il giorno in cui si vede la luce. In tutti i sensi, dal momento che è la volta della pulizia dei vetri, da effettuare, possibilmente, con la luce naturale, quindi prima di entrare in ufficio, in pausa pranzo e per le rifiniture la sera, appena rientrati. Quindi dedicatevi alla pulizia del bagno: igienizzate le piastrelle, la doccia e i sanitari.


Sabato: una passata ai pavimenti

Arrivati a questo punto non resta che dare un’ultima pulizia ai pavimenti (senza dimenticare i battiscopa), già affrontati precedentemente. Niente panico, vi basta sgrassarli e igienizzarli pulendoli con uno straccio imbevuto di acqua calda, sapone di Marsiglia, bicarbonato di sodio, un po’ di limone e aceto e una manciata di sale. Fatto ciò, godetevi il meritato e pulito, riposo del week end.

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.