Dieta del giorno dopo: la dieta post-abbuffata

Cristina Piotti

Dopo un’abbuffata si ingrassa? È il timore di tante che, dopo e feste, decidono che la dieta del giorno dopo consiste nel non toccare cibo. La nostra esperta ha una soluzione migliore.

Dieta post-abbuffata: qual è la migliore? La nostra esperta ci propone una soluzione. © dolgachov / 123RF


Dieta post-abbuffata: cosa significa? Quando si esagera, a tavola, il giorno dopo non si sa che fare. Non si vorrebbe vedere il cibo neanche da lontano, perché ci si sente pieni (anche di sensi di colpa). Ci risponde Ambra Ciliberto, dietista presso l'Istituto Nazionale di Chirurgia dell'Obesità di Milano.

Lasciare il piatto vuoto è la soluzione migliore? 

No, digiunare del tutto non è proprio corretto, sicuramente è opportuno evitare di piluccare frutta secca dopo e fra i pasti, nonché tutti gli avanzi di Natale.

Possiamo aggiungere tisane detox?

Certo. Bere tisane va benissimo, aiutano a depurare l'organismo, in particolare intestino e fegato. Le più indicate sono quelle a base di finocchio, carciofo, cardo. 

Spuntini vietati?

Proprio no: le centrifughe vanno bene, anche a colazione, non solo come spuntino. Preferibilmente è bene prepararle miste, di frutta e verdura, per ridurre l'apporto di zuccheri e aumentare quello di sali minerali, magari con l'aggiunta di zenzero che depura e permette di dare quel tocco piccante all'estratto.

A pranzo e a cena?

Ai pasti principali vanno bene dei primi piatti leggeri, con verdure. Oppure piatti unici con l’aggiunta di legumi. A cena, zuppe o minestre di verdura, accompagnando con un piccolo secondo, preferibilmente a base di pesce

Cosa eliminare?

In questi giorni post-abbuffate, per depurarsi, è importante evitare insaccati e salumi, carne rossa e formaggi.

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.